Connect with us

Hi, what are you looking for?

Territorio

Verona e Vicenza unite per raccontare il mito di Giulietta e Romeo

Il quadro del vicentino Pietro Roi “Giulietta e Romeo”, in prestito alla Gam di Verona. È l’inizio di una collaborazione tra Verona e Vicenza per raccontare le radici del mito shakespeariano.

Il quadro del vicentino Pietro Roi “Giulietta e Romeo”, in prestito alla Gam di Verona. È l’inizio di una collaborazione tra Verona e Vicenza per raccontare le radici storiche del mito shakespeariano.

I Musei Civici di Verona e Vicenza hanno avviato una collaborazione per raccontare e far conoscere le radici storiche del mito di Giulietta e Romeo.
Primo tassello del progetto è il prestito del quadro Giulietta e Romeo (1882), opera del pittore vicentino Pietro Roi, che sarà esposto, per un anno, alla Galleria d’Arte Moderna Achille Forti. L’episodio del dipinto ritrae nella penombra di una cripta Giulietta che, dopo la morte di Romeo, sta per uccidersi a sua volta. Alle spalle della coppia un sarcofago pensile ricorda i manufatti in pietra di epoca scaligera.

A presentare la nuova collaborazione mercoledì 15 gennaio tra le città e il prestito del quadro alla Gam, i sindaci di Verona Federico Sboarina e di Vicenza Francesco Rucco, gli assessori alla Cultura Francesca Briani e Simona Siotto, il direttore dei Musei civici di Verona Francesca Rossi e di Vicenza Mauro Passarin.

«È la prima volta che Verona e Vicenza – ha dichiarato il sindaco Sboarina – danno vita a una collaborazione per raccontare e valorizzare le radici del mito di Giulietta e Romeo, che lega le nostre città. Questa collaborazione rappresenta un primo passo, ma dà l’idea della nostra concezione di cultura, capace di unire i diversi territori. Verona è profondamente legata al mito di Giulietta e Romeo e questo progetto di valorizzazione proseguirà con la riqualificazione della casa di Giulietta».

«La presenza del dipinto di Roi – ha concluso Rossi –, darà modo di lavorare su più fronti e, in particolare, di rinnovare in maniera significativa la sezione dell’Ottocento della Gam. In più permetterà di sviluppare iniziative espositive attorno a questa e ad altre opere d’arte legate al tema shakespeariano, proponendo itinerari cittadini dedicati ai personaggi e ai luoghi della tragedia. La peculiarità di quest’opera è che delle varie versioni sulla morte dei giovani amanti, li ritrae entrambi ancora vivi».

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCARICA GRATIS

L'Arsenale, grande opportunita per Verona

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Opinioni

Di come utilizzarlo si parla da decenni con progetti che per accontentare tutti finiscono per allontanare dalla scelta più sensata: collegarlo ai musei di...

Flash

Un progetto espositivo innovativo, con una nuova sala 3D che presenta al pubblico il primo museo naturalistico del mondo, creato nel 1500 dall'illustre veronese 

Opinioni

Mentre il centrodestra intensifica la sua opposizione, chi amministra deve legittimare il risultato elettorale dimostrando, con scelte di governo appropriate, di saper risolvere i...

Cultura

Ristampato il volume-capolavoro dello storico dell'arte Gian Lorenzo Mellini che inventò Rigino di Enrico, artista della Verona che con Cangrande si sognò capitale. Il...

Advertisement