Connect with us

Hi, what are you looking for?

Legnaghese

Nel Giorno della Memoria una testimonianza per non dimenticare

LEGNAGO – Un incontro organizzato dall’ANPI con la testimonianza di Eugenio Iafrate, dirigente dell’Associazione Nazionale Ex Deportati, per non dimenticare i crimini della barbarie nazi fascista.

Il 22 gennaio a Legnago, presso la sala civica alle ore 20.45, l’ANPI Sezione di Legnago e Bassa Veronese in occasione del Giorno della memoria, incontrerà Eugenio Iafrate, dirigente ANED (Associazione Nazionale Ex Deportati), autore della ricerca Elementi Indesiderabili, storia e memorie di un “trasporto”, Roma-Mauthausen 1944.

La ricerca, partita da ricordi famigliari su uno zio deceduto nel noto campo di concentramento austriaco di Mauthausen, assume, con lo scorrere delle pagine, una dimensione che travalica quella per lungo tempo ricordata in un ambito solo strettamente famigliare, per diventare il calvario che ha segnato l’esistenza di migliaia di deportati italiani.

Eugenio Iafrate fornirà una ampia visione delle deportazioni. L’iniziativa è promossa da ANPI Sezione di Legnago e Bassa Veronese con il supporto dell’Isers (Istituto di Studi e Ricerche Storiche e Sociali) di Badia Polesine e dall’ANED di Verona con il patrocinio del Comune di Legnago.

Avatar
Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Territorio

La protesta di Aned (Associazione Nazionale ex Deportati nei Campi nazisti) di Verona che non ha partecipato alla commemorazione.

Inchieste

INCHIESTA – Anche in Veneto lo sfruttamento della manodopera va di pari passo con il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. In nero troppi lavoratori agricoli.

CS

Dai sindacati CGIL, CISL e UIL, riceviamo e pubblichiamo. L’operazione antimafia Taurus, che ha portato ad altri 33 arresti nell’ambito della lotta contro la...

Cultura

I soldi arrivarono nelle tasche di semplici manovali e operai, che seppero solo leggere sulle monete la scritta in tedesco. E quel nome per...

Advertisement