Connect with us

Hi, what are you looking for?

Territorio

A Palazzo Maffei la seconda galleria d’arte moderna e contemporanea

La proposta e il percorso annunciati conterranno oltre 350 opere, tra cui quasi 200 dipinti, una ventina di sculture, disegni e una selezione di oggetti d’arte applicata.

Palazzo Maffei
Verona, Palazzo Maffei

La proposta e il percorso annunciati conterranno oltre 350 opere, tra cui quasi 200 dipinti, una ventina di sculture, disegni e una selezione di oggetti d’arte applicata.

Come preannunciato da Verona In il 2 ottobre 2018, dal prossimo 15 febbraio in piazza delle Erbe a Verona aprirà al pubblico la Casa Museo Palazzo Maffei. Se da un lato l’apertura segnerà la restituzione, dopo il restauro completo, di uno dei palazzi seicenteschi più noti di Verona ai cittadini, dall’altro sarà l’occasione per ammirare una raccolta d’arte che spazia dalla fine del Trecento ad oggi, frutto della passione collezionistica dell’imprenditore Luigi Carlon e dell’idea museografica di Gabriella Belli con contributi scientifici di Valerio Terraroli e Enrico Maria Guzzo.

La proposta e il percorso annunciati conterranno oltre 350 opere, tra cui quasi 200 dipinti, una ventina di sculture, disegni e una selezione di oggetti d’arte applicata (mobili d’epoca, vetri antichi, ceramiche rinascimentali e maioliche sei-settecentesche, ma anche argenti, avori, manufatti lignei,  pezzi d’arte orientale, rari volumi) con una scelta espositiva dalla “doppia anima”.

Nella parte dedicata al Novecento e all’arte contemporanea si è voluta creare una vera e propria galleria museale, dove spiccano e s’incontrano alcuni dei massimi artisti del XX secolo: BoccioniBalla, Severini, ma anche Picasso e Braquede Chirico, CasoratiMorandi accanto a MagritteMax ErnstDuchamp. E ancora Afro, Vedova, Fontana, Burri, Tancredi, De Dominicis, Manzoni e molti altri.

Accanto ai grandi nomi del XX secolo, viene accostato l’interesse per la storia artistica veronese come forte valore identitario della raccolta d’arte antica che vanta una sorta di compendio di storia dell’arte del territorio scaligero, con opere di  Altichiero e Liberale da Verona, Nicolò Giolfino, Zenone Veronese, Bonifacio de’ Pitati, Antonio e Giovanni Badile, Felice Brusasorci, Jacopo Ligozzi, Alessandro Turchi, Marc’Antonio Bassetti, Antonio Balestra Giambettino Cignaroli.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

Cultura

Lo scrittore Salgari e il poeta Barbarani sono nati a Verona rispettivamente 160 e 150 fa; il pittore futurista Boccioni, che è nato a...

Cultura

Verrà ricollocata non più dov'era, su una parete laterale della cappella Giusti, a tre metri d'altezza, ma in una delle cappelle dell'abside, a lato...

Cultura

Il pittore veronese si ispirò ai maestri dell’epoca e alla pittura fiamminga. Nelle sue opere emerge una luminosità contraddistinta da una caratteristica sfumatura e...

Interviste

INTERVISTA – L’assessora alla Cultura Francesca Briani ribatte colpo su colpo alle accuse dell’ex sindaco di Verona Flavio Tosi

Advertisement