Opinioni

Fratelli d’Italia, l’estrema destra che cresce assieme a Salvini

Il partito fondato da Giorgia Meloni nel 2012 è ben diverso da Alleanza Nazionale che, nella fase precedente, ha rappresentato una destra istituzionale alleata a Forza Italia.

Matteo Salvini

Il partito fondato da Giorgia Meloni nel 2012 è ben diverso da Alleanza Nazionale che, nella fase precedente, ha rappresentato una destra istituzionale alleata a Forza Italia.

In questi ultimi tempi alle spalle della eccezionale crescita di consensi della Lega, si è tranquillamente collocato Fratelli d’Italia, con una certa linearità di indirizzo, che gli ha consentito di raggiungere, secondo i sondaggi, il 10% dei consensi. Matteo Salvini, con la sua destra propagandistica e antieuropea è riuscito a sdoganare anche la destra estrema a cui Fratelli d’Italia appartiene.

Il partito fondato da Giorgia Meloni nel 2012 è ben diverso da Alleanza Nazionale che, nella fase precedente, ha rappresentato una destra istituzionale alleata a Forza Italia. Esso affonda le radici nella destra estrema, tanto da risultare contiguo a Casapound e Forza Nuova, le due forze esplicitamente parafasciste e violente, e ha potuto crescere sia utilizzando lo spazio all’estrema destra del sovranismo salviniano, sia attraverso una serie di passaggi a FdI di militanti provenienti da Forza Italia, attratti dalla sua maggiore solidità e coerenza ideologica.

Nonostante questa sua identità estrema FdI ha potuto legittimarsi nel nostro sistema politico soprattutto grazie alla leadership di Giorgia Meloni che oggi sopravanza lo stesso Salvini nella considerazione degli elettori italiani. Resta tuttavia il fatto che le sue posizioni politiche rappresentano una forzatura della Costituzione e allontanano irreversibilmente l’Italia dall’Europa.

Basta pensare che in termini di contrasto agli immigrati FdI propone il blocco navale nel Mediterraneo per evitare gli sbarchi, e nei riguardi dell’Europa è orgogliosamente contraria all’Ue e all’euro. Ciononostante, mantiene una presenza a Bruxelles nel gruppo dei Conservatori riformisti, assieme all’estrema destra polacca del PiS, a quella tedesca di AfD e altri piccoli partiti, tutti di orientamento euroscettico e antifederalista.

In Europa FdI riceve finanziamenti dall’ultradestra Usa e da alcune multinazionali interessate a cambiare i caratteri della democrazia italiana. In futuro FdI ambisce ad andare al governo alleata con la Lega, svolgendo il ruolo di estrema destra radicale. Una prospettiva che porterebbe l’Italia in un tragico isolamento europeo e internazionale, che va quindi combattuta con la più convinta determinazione.

Luigi Viviani

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli

Politica

A destra il problema è trovare la coalizione vincente mentre a sinistra un PD egemone pretende di dettare le regole ai possibili alleati

Cultura

Tra giugno e ottobre 2021 Verona celebra il Sommo Poeta con una mostra diffusa in collaborazione con Ravenna e Firenze.

Ambiente

Ferrari, Traguardi: «La sostenibilità è driver per la crescita economica, ma Pums e Paesc sono incoerenti tra loro e con la linea europea».

Meteo

Le temperature massime non supereranno ad inizio settimana i 28/29 gradi mentre le minime si attesteranno attorno ai 19/20 gradi

Verona In - Corso Porta Nuova 99, Verona - ISSN numero 2611-4265 - Fondato nell'anno 2003 - © copyright Smart Edizioni.