Connect with us

Hi, what are you looking for?

Spettacoli

Fedeli d’Amore polittico in sette quadri per Dante Alighieri

TEATRO NUOVO. Theatre Art Verona, Ermanna Montanari affida alla sua voce il testo di Martinelli e crea una partitura sonora che si avvale della tromba di Simone Marzocchi.

Fedeli d'Amore
Fedeli d'Amore - Foto di Enrico Fedrigoli

TEATRO NUOVO. Theatre Art Verona, Ermanna Montanari affida alla sua voce il testo di Martinelli e crea una partitura sonora che si avvale della tromba di Simone Marzocchi.

Il 3 dicembre 2019 alle 21, per Theatre Art Verona al Teatro Nuovo lo spettacolo Fedeli d’Amore polittico in sette quadri per Dante Alighieri una produzione di Teatro delle Albe e Ravenna Teatro in collaborazione con Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia 2018 e Teatro Alighieri di Ravenna. L’ideazione e la regia sono di  Marco Martinelli e Ermanna Montanari. In scena Ermanna Montanari musica Luigi Ceccarelli tromba Simone Marzocchi regia del suono Marco Olivieri spazio e costumi Ermanna Montanari e Anusc Castiglioni ombre Anusc Castiglioni disegno luci Enrico Isola.

Fedeli d'Amore

Fedeli d’Amore, Ermanna Montanari e Simone Marzocchi – Foto di Enrico Fedrigoli

Fedeli d’Amore è un “polittico in sette quadri”, un testo di Marco Martinelli “attorno” a Dante Alighieri e al nostro presente. A parlarci, nei singoli quadri, sono voci diverse: la nebbia di un’alba del 1321, il demone della fossa dove sono puniti i mercanti di morte, un asino che ha trasportato il poeta nel suo ultimo viaggio, il diavoletto del “rabbuffo” che scatena le risse attorno al denaro, l’Italia che scalcia se stessa, Antonia figlia dell’Alighieri, e “una fine che non è una fine”. Queste voci ci parlano del profugo, del poeta fuggito dalla sua città che lo ha condannato al rogo, e ora è sul letto di morte in esilio, a Ravenna, in preda a febbre malarica. Quelle voci sono sospese tra il Trecento e il nostro presente, e la scrittura di Martinelli accetta, e non da oggi, la sfida dantesca di tenere insieme “realtà” politica e metafisica, cronaca e spiritualità. Amore è evocato come stella polare dei fedeli d’Amore, forza che libera l’umanità dalla violenza, che salva “l’aiuola che ci fa tanto feroci”. Le voci di questo “polittico” sono un’unica voce che ne sa contenere innumerevoli, quella di Ermanna Montanari: aria, fuoco, suono, materia.

Ingresso posto unico non numerato 20 € / ridotto 15 €
Info e prevendite: www.teatronuovoverona.it.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Advertisement Enter ad code here

Altri articoli

Interviste

INTERVISTA – Andrea Castelletti: «Il teatro d’avanguardia riesce a coinvolgere giovani alternativi ma a Verona ciò che alternativo è sempre molto marginale. I nostri...

Interviste

INTERVISTA – Pier Mario Vescovo: «Verona dovrebbe sfruttare maggiormente, accanto ai teatri storici, i numerosi spazi cittadini alternativi e il profondo legame che alcuni...

Spettacoli

Dopo il debutto a Siracusa e la messa in scena a Pompei lo spettacolo di Fondazione INDA giunge in riva all'Adige il 14 e...

Spettacoli

La regia di Alberto Rizzi esprime un gioco roteante, visivo e visionario, dove in un continuo movimento di immagini e scene lo spettatore è...

Advertisement