Connect with us

Hi, what are you looking for?

Spettacoli

Ben, lettura teatrale con musica dal vivo da due romanzi di Doris Lessing

MODUS – SPAZIO CULTURA. Chi è Ben Lovatt? Una creatura primitiva e brutale. Un diverso che non riusciamo a incasellare in nessuna tipologia di umano. Chi si occuperà di Ben?

Ben - Francesca Botti - Modus Verona
Francesca Botti

MODUS – SPAZIO CULTURA. Chi è Ben Lovatt? Una creatura primitiva e brutale. Un diverso che non riusciamo a incasellare in nessuna tipologia di umano. Chi si occuperà di Ben?

Sabato 30 novembre 2019, alle 21:15 al Modus Verona, il Teatro di piazza Orti di Spagna, per la rassegna Trame a Voce, appuntamento con il reading Ben – Lettura teatrale tratta da due romanzi di Doris Lessing: Il quinto figlio e Ben nel mondo. Con Francesca Botti e Paolo Marocchio alla chitarra.

Grande ritorno dell’attrice con un progetto indipendente che ha debuttato all’interno del Festival di TeatroLettura Fiato ai Libri di Bergamo: una lettura teatrale dedicata al premio Nobel per la Letteratura Doris Lessing, «cantrice dell’esperienza femminile che con scetticismo, passione e potere visionario ha messo sotto esame una civiltà divisa».

Chi è Ben Lovatt? Una creatura primitiva e brutale. Un diverso che non riusciamo a incasellare in nessuna tipologia di umano. Solo. Difficile provare empatia per questo essere violento, che distrugge la tanto desiderata felicità di una numerosa famiglia borghese. Chi si occuperà di Ben? Sfruttato, imbrogliato, umiliato, raramente incontrerà persone compassionevoli con lui. Se guardiamo con i suoi occhi, gialli e iper-sensibili alla luce del sole, vediamo un mondo crudele e violento. Cosa è diventata la nostra civiltà? Silenzio. Poi il suo canto animalesco si alza alle stelle.

Ben - Paolo Marocchio - Modus Verona

Paolo Marocchio

«…Io mi sono chiesta: e se nel ventesimo secolo venisse al mondo un elfo, una creatura di un’altra epoca? Nella nostra società apparirebbe “cattivo”, portatore di male: ma in un contesto diverso non susciterebbe pregiudizi. Come reagiremmo se capitasse tra noi uno così? Noi siamo pigri, quando le cose sono un po’ problematiche le nascondiamo sotto il tappeto. Questo libro l’ho scritto due volte. La prima versione era meno cruda, poi mi sono detta: “cara mia, stai barando. Se succedesse davvero, sarebbe molto peggio di così”. E allora l’ho riscritto portandolo alle conseguenze estreme» (Doris Lessing, quarta di copertina, Il quinto figlio – 1988).

«Lui era là accucciato e la fissava… Sentì i capelli che le si drizzavano sulla nuca e un brivido freddo percorrerle tutto il corpo… una reazione istintiva perché, razionalmente, non ne aveva nessuna paura. E tuttavia era irrigidita dal terrore. “​Ben,” disse piano, con un tremito nella voce. “Ben,” ripeté, con un’enfasi particolare, come per richiamarlo entro i confini di un mondo noto e insieme porre sotto il suo controllo quella pericolosa mansarda, da cui era partito per tornare a un remotissimo passato, che non conosceva essere umani».

Francesca Botti, attrice teatrale veronese diplomatasi alla Scuola Civica d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano, lavora da anni come interprete sia nell’ambito del teatro ragazzi che in quello del teatro serale. È in scena nella sua città come Lea nella Cativissima di e con Natalino Balasso e nel ruolo di Orsetta al Teatro Romano ne Le Baruffe Chiozzotte di Paolo Valerio, entrambe produzioni del Teatro Stabile del Veneto.

Paolo Marocchio, musicista polistrumentista, produttore discografico ed organizzatore di eventi. Da oltre venti anni si occupa delle musiche del mondo con particolare attenzione alla musica di tradizione orale e popolare con progetti legati alle musiche del mediterraneo, dell’area balcanica, dell’Africa, dell’India, del Brasile suonando anche tango e reggae. Attualmente è impegnato nel progetto Contrada Lorì che rielabora il repertorio tradizionale veronese con brani originali in dialetto. Per molti anni ha suonato anche musica rock e sperimentale. Numerose sono le sue esperienze in ambito teatrale come musicista.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Informazioni e prenotazioni su www.modusverona.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banner-Studio-editoriale-Giorgio-Montolli

MEMORY BOOKS

Scarica gratis

COSA SONO I MEMORY BOOKS?
Approfondimenti su tematiche veronesi.
A COSA SERVONO?
Offrono una visione diversa di città.
QUANTO TEMPO PER LEGGERLI?
15 minuti.
PERCHÉ SCARICARLI?
Sono rari.
QUANTO COSTANO?
Nulla.

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Interviste

INTERVISTA – Il teatro secondo l'attore, regista e autore cinematografico Alessandro Anderloni: «La disobbedienza è fondamentale per la nostra società, perché scatena pensieri, discussioni...

Interviste

INTERVISTA – Andrea Castelletti: «Il teatro d’avanguardia riesce a coinvolgere giovani alternativi ma a Verona ciò che alternativo è sempre molto marginale. I nostri...

Interviste

INTERVISTA – Pier Mario Vescovo: «Verona dovrebbe sfruttare maggiormente, accanto ai teatri storici, i numerosi spazi cittadini alternativi e il profondo legame che alcuni...

Spettacoli

Dopo il debutto a Siracusa e la messa in scena a Pompei lo spettacolo di Fondazione INDA giunge in riva all'Adige il 14 e...

Advertisement