Connect with us

Hi, what are you looking for?

Blogspot

Ci vorrebbe la filovia rossa che mi portava a scuola

Anni Settanta. Abitavo a Santa Maria di Negrar e per andare a scuola prendevo la filovia rossa delle 7.55, o quella delle 7.20, se dovevo scopiazzare i compiti prima di entrare in aula.

Anni Settanta. Abitavo a Santa Maria di Negrar e per andare a scuola (Fracastoro) prendevo la filovia rossa, la Verona-Domegliara delle 7.40, o quella delle 7.14 se dovevo scopiazzare i compiti prima di entrare in classe. Quest’ultima opzione era poi diventata la regola per motivi sentimentali. Ci saremmo baciati prima delle lezioni sulla riva del fiume, tra San Giorgio e Santo Stefano, lei sul muretto, io sul selciato.

Dalla finestra di casa, sulla collina, mia madre stava di guardia mentre io facevo colazione con latte, pavesini e bucaneve. Da lì si vedeva il biscione APT spuntare dal curvone di Pedemonte, come un puntino rosso fuoco all’orizzonte. Da quel momento, correndo all’impazzata lungo lo sterrato in mezzo ai campi, avevo 3 minuti per recuperare le Muratti nascoste in una marogna e guadagnare la provinciale.

Raggiunto l’asfalto, con il cuore che batteva forte, osservavo l’oscillazione dei fili, in modo da calcolare con buona approssimazione la distanza della filovia, che ancora non si vedeva, e il tempo che rimaneva per percorrere gli ultimi 200 metri che mi separavano dalla fermata. Ero un buon corridore, ma i libri pesavano e confidavo nella clemenza dell’autista che superandomi mi avrebbe poi aspettato (non sempre). Ricordo i lampi e lo sfrigolio dei fili a contatto con il pantografo nei giorni di brina. Quante storie su quella filovia…

Arrivato a San Giorgio (Verona) c’era il Bar Elia, che ereditava dal passato il nome di capolinea della Verona-Caprino. Lo chiamavamo così per la presenza paterna del titolare, che aveva sempre un occhio di riguardo per noi studenti. In quegli anni i più anziani – quelli che avevano allora l’età che ho io oggi – mi raccontavano che prima della filovia rossa c’era il trenino, come testimoniano le bellissime stazioncine disseminate lungo i vari percorsi dalla provincia alla città.

È trascorso quasi mezzo secolo e nei pressi del Teatro Romano, tra Rigaste Redentore e Lungadige Re Teodorico, sul parapetto in pietra che dà sull’Adige è ancora visibile l’incavo dove era posizionato il palo che reggeva i fili, e mi piace sfiorarlo con le dita. È incredibile, ma il passato, con gli opportuni adeguamenti, sembra quasi riproporsi come la situazione ideale per l’oggi.

g.mont.

Nella foto in alto la filovia rossa a Grezzana.

Verona, filovia

L’incavo nel parapetto dove si trovava il palo che reggeva i fili della filovia (Verona).

Avatar
Written By

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Maurizio Danzi

    17/11/2019 at 11:22

    Dire che è esistita una filovia rossa, di questi tempi in cui la memoria è uno stato d’animo, potrebbe non essere politicamente corretto. La mia era verde. Le “tirache ” però sono come le Madelaine di Proust.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Territorio

Incontro al Maso di Negrar fra il sindaco Sboarina, l’assessore Segala, il presidente del Carpino Spezia e Coato del Fondo Alto Borago.

Inchieste

INCHIESTA – Anche in Veneto lo sfruttamento della manodopera va di pari passo con il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. In nero troppi lavoratori agricoli.

CS

Dal consigliere comunale Pd Elisa La Paglia, riceviamo e pubblichiamo. Per la percentuale di raccolta differenziata il Comune di Verona è fanalino di coda...

Ambiente

Un'area pignorata di circa 38 ettari, al confine tra il comune di Negrar e quello di Verona, è nelle mire dei produttori vinicoli. Domenica...

Advertisement