Connect with us

Hi, what are you looking for?

viaggio italiano - mario spallino - emergency
Viaggio italiano - Mario Spallino

Spettacoli

Viaggio italiano, Emergency porta in scena il dramma migranti

TEATRO PARROCCHIALE BEATO CARLO STEEB. Con Mario Spallino in un viaggio da nord a sud per vedere per davvero che cosa significa essere invisibili nel nostro paese.

TEATRO PARROCCHIALE BEATO CARLO STEEB. Con Mario Spallino in un viaggio da nord a sud per vedere per davvero che cosa significa essere invisibili nel nostro paese.

Venerdì 22 novembre 2019 al Teatro Parrocchiale della Beato Carlo Steeb a San Michele Extra (Verona)  si terrà lo spettacolo intitolato Viaggio italiano con Mario Spallino,
drammaturgia e regia di Patrizia Pasqui, produzione Emergency Ong Onlus.

Un viaggio dal Nord al Sud compiuto dall’attore dello spettacolo per vedere da vicino la realtà di cui ha sentito parlare, per diventare così un testimone oculare e condividere domande e scoperte con il pubblico. Mario Spallino ci porterà in Puglia, tra i raccoglitori stagionali, gli “invisibili”, sfruttati e senza diritti, e proprio lì incontreremo un’idea che ha messo le ruote: il polibus di Emergency, un ambulatorio mobile che raggiunge le aree agricole, i campi nomadi o profughi e porta aiuto e cure a chi ne ha bisogno. Poi in Sicilia, al Poliambulatorio di Palermo e a Siracusa, dove si assistono gratuitamente i migranti ma anche italiani in stato di bisogno. E il Sud non finisce… Polistena, Reggio Calabria, dove i pazienti vengono accolti in un palazzo confiscato alla ‘ndrangheta. E ancora: Castelvolturno, la più grande città africana d’Europa. E il Sud non finisce. Sassari, in Sardegna – dove si aiutano immigrati e indigenti ad accedere più facilmente alle cure mediche. Mario arriva a Marghera, vicino a Venezia. Anche qui, al Poliambulatorio di Emergency, migranti: come al Sud. Anche qui, sempre più italiani: come al Sud. Mario ripensa al suo viaggio, le persone viste, le storie sentite e si dice: «Eppure, per quanto ingiusto, questo mondo non è privo di grazie, non è senza mattini per cui valga la pena svegliarsi».

Questo è il lavoro che Emergency fa in Italia. E che si chiama, appunto, “Programma Italia”. Nonostante sia un diritto riconosciuto, anche in Italia il diritto alla cura è spesso un diritto disatteso: migranti, stranieri, poveri spesso non hanno accesso alle cure di cui hanno bisogno per scarsa conoscenza dei propri diritti, difficoltà linguistiche, incapacità a muoversi all’interno di un sistema sanitario complesso.
«Emergency porta in scena il dramma dei migranti e della loro totale assenza di diritti, da nord a sud Italia. […] Viaggio Italiano vi farà immergere e vivere per davvero che cosa significa essere invisibili nel nostro paese. […] Un racconto corale di storie vere, per mostrare l’inadeguatezza della nostra mentalità e dei nostri stereotipi rispetto ad un fenomeno che richiederebbe intelligenza ed umanità» il Giornale dello Spettacolo.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

CS

Dai sindacati CGIL, CISL e UIL, riceviamo e pubblichiamo. L’operazione antimafia Taurus, che ha portato ad altri 33 arresti nell’ambito della lotta contro la...

Territorio

Alessandro Zan, parlamentare PD e attivista LGBT: «La vergogna di un’amministrazione che discrimina le persone sulla base di chi amano, proprio nella città dell’amore».

Interviste

INTERVISTA – Giovanni Zardini, presidente del Circolo Pink: «A Verona continue aggressioni, anche se molte non vengono denunciate». Il 18 luglio in piazza Bra.

Territorio

I manifestanti hanno chiesto una sanatoria estesa a tutte le attività lavorative e il permesso di lavoro per chi ha già un contratto o...

Advertisement