Connect with us

Hi, what are you looking for?

Gigi Vesentini (Foto Maurilio Zago)
Gigi Vesentini (Foto Maurilio Zago)

Territorio

Gigi Vesentini, tutta una vita per il calcio e… i gialloblu

«Era la sua occasione. Gli parlò della sua passione per lo sport e per la radio con un trasporto tale che in pochi giorni si ritrovò a fare un provino per RadioVerona 2000».

Si fece largo tra i corpi accalcati: era la sua occasione. Gli parlò della sua passione per lo sport e per la radio con un trasporto tale che in pochi giorni si ritrovò a fare un provino per RadioVerona 2000.

Era quasi alla fermata del bus quando si accorse di aver dimenticato la sciarpa. Alzò il bavero del giaccone e accelerò il passo. Come ogni mattina, il numero 8 era già mezzo pieno di studenti come lui e di adulti desiderosi di trovarsi altrove.

Gigi Vesentini (Foto Maurilio Zago)

Gigi Vesentini (Foto Maurilio Zago)

Gigi si posizionò vicino a Paolo Galli e Rino Gandini, due compagni di squadra che avrebbe rivisto nel pomeriggio per l’allenamento. Mentre scherzava con loro scorse tra la folla un viso che avrebbe riconosciuto ovunque. Gabriele Bicego abitava nel suo stesso quartiere ma non era mai riuscito a incontrarlo. Si fece largo tra i corpi accalcati: era la sua occasione. Gli parlò della sua passione per lo sport e per la radio con un trasporto tale che in pochi giorni si ritrovò a fare un provino per RadioVerona 2000.

Gigi Vesentini (Foto Maurilio Zago)

Gigi Vesentini (Foto Maurilio Zago)

Era il momento magico delle radio libere e mille voci diverse saturavano tutta la banda: era indispensabile sapersi distinguere per rimanere a galla. Il talento di Gigi si fece notare e in poco tempo arrivò la proposta di un contratto dalla direttrice Luciana Cavaleri.

Non era una scelta semplice per lui: per essere presente alle trasmissioni in diretta avrebbe dovuto sospendere l’università. Ogni passione è come un richiamo, la sentiamo crepitare dentro di noi e sappiamo che seguirla è la strada per vivere davvero. Le lezioni potevano aspettare ma il suo sogno andava afferrato al volo. Iniziarono anni fatti di dirette dallo stadio, commenti alle partite, interviste con gli atleti.

Gigi Vesentini (Foto Maurilio Zago)

Gigi Vesentini (Foto Maurilio Zago)

L’incontro con Gilberto Formenti, allora direttore di Telearena, avvenne qualche anno dopo grazie all’amico e collega Alessandro D’Errico e ancora una volta cambiò le carte in tavola portando Gigi verso una nuova sfida. Dopo un veloce provino davanti alla telecamera, gli vennero affidate le interviste allo stadio per Bentegodi Flash che andava in onda alla fine della partita. L’esperienza acquisita in radio gli rese tutto più facile, portandolo in breve tempo alla conduzione del programma Diretta Gialloblù.

L’arrivo di Italia 90 portò con sé un’infinità di eventi collaterali, che uniti a quelli sportivi trascinarono ogni giornalista come farebbe un fiume in piena. Dirette, interviste e cene si susseguivano senza soluzione di continuità. A una di quelle serate ebbe l’occasione di incontrare Sandro Ciotti, voce di Tutto il calcio minuto per minuto, che aveva accompagnato la genesi della sua passione per il calcio. Con la naturalezza di un gesto dovuto, il suo idolo d’infanzia accettò un invito per il giorno successivo, lasciandosi trascinare in una chiacchierata come quelle fra vecchi amici, piene di consigli sinceri e opinioni condivise. Fu un incontro significativo e gratificante, che aggiunse spunti importanti alla sua professionalità. Lentamente la sua trasmissione iniziò ad ospitare anche contenuti diversi da quelli strettamente legati al calcio, diventando un contenitore dove era possibile fare anche cultura e informazione oltre che intrattenimento e cronaca calcistica.

Gigi Vesentini (Foto Maurilio Zago)

Gigi Vesentini (Foto Maurilio Zago)

L’affetto del pubblico per Gigi è sempre stato uno stimolo a migliorarsi e l’interruzione della collaborazione con Telearena apre un nuovo capitolo della sua vita. Forte e grato dell’esperienza acquisita affronta l’ennesima svolta della sua carriera, con progetti per il futuro che hanno ampio respiro e nuovi orizzonti.

Erna Corsi

Gigi Vesentini è nato e vive a Verona; è giornalista sportivo dal 1984, conduttore televisivo dal 1988 e appassionato di calcio da sempre.

Erna Corsi
Written By

Erna Corsi è nata nel 1973 a Verona, dove risiede tuttora. Ha frequentato il Liceo Artistico Boccioni e ha successivamente conseguito un diploma superiore in marketing e design presso il Centro Studi Palladio. Attualmente lavora come graphic designer presso un'azienda privata. Ama il teatro, la danza e la letteratura. ernaluna@gmail.com

3 Comments

3 Comments

  1. Mario Allegri

    Mario Allegri

    17/10/2019 at 10:09

    Gigi Vesentini, una giornalista serio, competente, appassionato e dai modi sempre urbani e gentili, con una autentica passione per il lavoro. La sua voce continuerà – lo spero proprio- a raccontare sport e calcio per il piacere di chi lo ha sempre seguito e ascoltato.

    • Avatar

      Gigi

      22/11/2019 at 21:04

      Grazie Prof, la stima è reciproca.

  2. Avatar

    Maurizio Danzi

    25/11/2019 at 14:58

    Gigi non ricorderà. Ma la sua passione era nata a San Michele, nel campetto dietro i campi da tennis. Lucio, Moreno, Loris, el Biagi. E una altra decina di ragazzini. Quanti vetri rotti. Ma che spensieratezza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Territorio

La CRI Comitato di Verona offre assistenza domiciliare con consegna di generi alimentari e farmaci per le persone anziane o in difficoltà.

Territorio

Valpiana: «Gli organizzatori si dichiarano vittime, dopo aver accettato la sponda della destra sfascista». Il Comune parte civile.

Territorio

Organizzato da Mariam Ghrissi una giovane musulmana che vive a Verona che si sente «oltraggiata dalle parole del presidente francese Macron».

Blogspot

Due proposte per far decollare il giornale e la risposta del direttore servono a fare il punto sul progetto editoriale nato nel lontano 2003.

Advertisement