Connect with us

Hi, what are you looking for?

Opinioni

Agsm, lavorare per un terzo polo cercando solide alleanze

Verona è sempre cresciuta quando ha guardato al Nord. Allearsi con Aim (Vicenza), Dolomiti Energia (Trento) e Alperia (Bolzano) permetterebbe di essere più competitivi

Verona è sempre cresciuta quando ha guardato al Nord, la è il nostro futuro: Allearsi con Aim (Vicenza), Dolomiti Energia (Trento) e Alperia (Bolzano) permetterebbe di essere più competitivi nel globale mercato del gas, nelle economie di scala e di sopportare gli inevitabili “urti” che potrebbero arrivare da quelle multinazionali del settore che tanta fame hanno di nuovi mercati.

L’AGSM, come sappiamo, è nata per dare ai cittadini veronesi quei servizi essenziali per far si che il benessere derivato dal riscaldamento, dalla corrente elettrica e dall’acqua potabile sia presente in tutte le abitazioni e i luoghi di lavoro. Negli anni ci siamo affezionati a questa nostra impresa locale in un rapporto di amore e odio. Amore per l’efficiente servizio reso e odio, si fa per dire, quando arrivano le bollette. Il tutto però ha costruito nel tempo un rapporto di fiducia che ha permesso all’azienda di crescere e avviare investimenti per la produzione di energia rinnovabile.

Il tempo che stiamo vivendo non ci permette di ragionare romanticamente guardando le nostre realtà locali. Tutto è mutato in grande, in globale, e anche le municipalizzate sono costrette a ricercare soci con cui instaurare un rapporto che da un lato permetta di continuare la loro storia e dall’altro di essere più competitive.

Lo scenario che abbiamo davanti ha alcune varianti: due sono le maggiori imprese che starebbero corteggiando l’AGSM promettendo, probabilmente, rese milionarie al comune di Verona. Una è la società lombarda A2A SpA. con sei miliardi di fatturato e circa 11.000 dipendenti; l’altra è una società Bolognese di nome HERA S.p.A. con più di sei miliardi di fatturato e circa 8.500 dipendenti. Due colossi se confrontati con la nostra AGSM che di fatturato arriva a poco meno di un miliardo e circa 1.300 dipendenti.

Entrando nella galassia di A2A o di HERA, stante i rapporti di forza con l’AGSM, c’è il reale pericolo che si ripeta la storia dell’aeroporto dove il veneziano SAVE entrato da un pertugio del 2% ha raggiunto in poco tempo il 40 % e solo la disdetta dei patti parasociali da parte dell’attuale amministrazione gli ha impedito di superare il 50 %.

Perché allora non pensare di unire piccole realtà e diventare il terzo grande polo del nord Italia? Con AIM di Vicenza con la quale da un po’ stiamo parlando di aggregazione ma ancora nulla si è cagliato, ma ci sono anche altre realtà interessanti come Dolomiti energia di Trento con un miliardo e mezzo di fatturato e circa 1.300 dipendenti, la Alperia di Bolzano con un miliardo e tre di fatturato e mille dipendenti la società TEA SpA di Mantova con oltre 500 dipendenti. Arriveremo ad essere il terzo polo del nord Italia in grado di confrontarci sia con i lombardi che con gli emiliani.

Verona è sempre cresciuta quando ha guardato al Nord, la è il nostro futuro. Per l’AGSM, per i dipendenti e per i cittadini veronesi.

Massimo Castellani

Written By

1 Comment

1 Comment

  1. Maurizio Danzi

    08/08/2019 at 17:56

    Concordo.
    Sprattutto Alperia e Dolomiti Energia hanno degli assett che sotto un profilo industriale sarebbero manna per una crescita ragionevole.
    Gia ragionevole: ma le logiche di partito hanno altri aggettivi che definiscono le loro attività.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

COVID 19

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Opinioni

Agsm-Aim è diventata oggetto di scambi polemici nella maggioranza di centrodestra per effetto della scelta del sindaco Sboarina di transitare dalla lista civica di...

Opinioni

È ora evidente la finalità dell’ingresso di Generali in Cattolica: una presenza intermedia come premessa all’acquisizione completa.

Opinioni

La sostenibilità potrà essere la chiave di volta della transizione ecologica a patto che diventi l’elemento base di una informazione corretta

Opinioni

Tanti progetti falliti che hanno allargato il divario tra potenzialità e realtà mentre i nuovi equilibri finanziari (soldi) ormai sono altrove

Advertisement