Connect with us

Hi, what are you looking for?

Cultura

Stazionario sarà lei di Gianni Falcone, un nuovo ritmo

«Questo non è un romanzo, e nemmeno un diario. E mai avrei pensato di doverlo scrivere. Ma della vita controlliamo poco, tutto il resto sta in agguato e prima o poi ti salta addosso».

Cinzia Inguanta, Giorgio Massignan, Gianni Falcone
Cinzia Inguanta, Giorgio Massignan, Gianni Falcone

«Questo non è un romanzo, e nemmeno un diario. E mai avrei pensato di doverlo scrivere. Ma della vita controlliamo poco, tutto il resto sta in agguato e prima o poi ti salta addosso».

Fresco di stampa Stazionario sarà lei (Smart edizioni) di Gianni Falcone sarà presentato martedì 25 giugno 2019, alle 18:15, allo Spazio Cultura Modus (Orti di Spagna, Verona). Cinzia Inguanta dialogherà con l’autore. Presenti, tra gli altri, Renato Avesani Direttore del Dipartimento di Riabilitazione dell’ospedale Sacro Cuore di Negrar e Maria Gallo Presidente Auser Regione Veneto.

Interventi musicali del gruppo ExTrapola (Anna Lisa Buzzola, Claudio Moro, Cristina Ribul, Massimo Rubulotta). Letture a cura di Margherita Sciarretta.
Un aperitivo concluderà l’incontro. Il ricavato delle vendite del libro sarà devoluto alla Onlus L’Acero di Daphne.

Come scrive Maria Gallo nella prefazione all’opera: «Leggere questo libro, significa essere disponibili a guardarsi dentro, a lasciarsi travolgere dalle emozioni perché è il racconto di quanto è realmente accaduto ad una giovane Donna, ad una Famiglia, agli Amici che hanno percorso insieme questa difficile fase. È un’esperienza che ha imposto a tutti i protagonisti di questa storia un nuovo ritmo, diverso, non più lento o più veloce, ma diverso, segnato dalla musica che talvolta è rifugio, talvolta liberazione, talvolta è solo ritmo che fa vivere diversamente il futuro, che non va più programmato ma affrontato giorno dopo giorno perché si annullano tutti i progetti fatti».

Con il coraggio, la dignità e l’ironia che contraddistinguono il suo procedere nella vita, Gianni Falcone ha raccolto in Stazionario sarà lei alcuni tra i ricordi di vent’anni delle vicende di una ragazza, della sua famiglia, dei loro amici, dei medici e operatori che l’hanno curata. Alessandra nel momento più felice della sua vita «si ritrova non più padrona del suo corpo, spostata con violenza dalla strada che aveva disegnato per sé su un sentiero sconosciuto, buio e impervio, pieno di insidie, sempre in salita». A fare i conti con la disabilità insieme a lei ci sono i familiari, gli amici, persone sconosciute comparse dal niente per dare una mano, per vincere insieme una scommessa contro una sentenza emessa troppo presto, forse solo per precauzione ma che mette angoscia: stazionaria.

Gianni è un uomo di pensiero e di azione, per cui nella seconda parte di Stazionario sarà lei offre alcune semplici soluzioni dettate prima di tutto dal buon senso e chiede con forza il coraggio di guardare oltre la riabilitazione. Ricorre a termini quali l’appartenenza, la partecipazione, la solidarietà, la lungimiranza, l’etica, l’educazione, la fantasia. «Parole che solo in apparenza – scrive Renato Avesani – si scostano dalla scienza medica, dalla tecnica. E tuttavia, senza queste parole che attengono all’umanità che è (o dovrebbe essere) in noi, ogni percorso riabilitativo sarà deludente».

La disabilità non è una coraggiosa lotta o il coraggio di affrontare le avversità. La disabilità è un’arte. È un modo ingegnoso di vivere (Neil Marcus).

Advertisement. Scroll to continue reading.

C.I.

Foto in alto: Gianni Falcone con Giorgio Massignan e Cinzia Inguanta.

Written By

Nasce a Firenze il 4 giugno 1961, sposata con Giuliano, due figli: Giuseppe e Mariagiulia. Alcuni grandi amori: la lettura, il cinema, il disegno, la fotografia, la cucina, i cinici, le menti complicate e le cause perse. Dopo la maturità scientifica, s’iscrive al corso di laurea in medicina e chirurgia per poi diplomarsi in design all’Accademia di Belle Arti Cignaroli. Nel 2009 s’iscrive alla Facoltà di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca. Giornalista pubblicista dirige Radio Popolare Verona, già direttrice del magazine online Verona-IN con il quale continua a collaborare coordinando la redazione spettacoli e scrivendo di libri. Nel 2006 ha curato la pubblicazione di La Chiesa di Verona in Sinodo e di Il IV Convegno Ecclesiale Nazionale, nel 2007 di Nel segno della continuità. Nel 2011 l’esordio letterario con la pubblicazione del suo primo romanzo Bianca per la casa editrice Bonaccorso. Alcune sue poesie sono pubblicate nel 2° volume della Raccolta di Poesie del Simposio permanente dei poeti veronesi (dicembre 2011), altre sono pubblicate nella sezione Opere Inedite sul blog dedicato alla poesia di Rainews. cinzia.inguanta@email.it

1 Comment

1 Comment

  1. Maurizio Danzi

    21/06/2019 at 10:38

    Grazie Giovanni per quello che fa e per come lo fai.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banner-Studio-editoriale-Giorgio-Montolli

Agec Funicolare Castel San Pietro Verona

Advertisement

MEMORY BOOKS

Scarica gratis

COSA SONO I MEMORY BOOKS?
Approfondimenti su tematiche veronesi.
A COSA SERVONO?
Offrono una visione diversa di città.
QUANTO TEMPO PER LEGGERLI?
15 minuti.
PERCHÉ SCARICARLI?
Sono rari.
QUANTO COSTANO?
Nulla.

Advertisement
Advertisement

Altri articoli

Flash

Per l'urbanista Giorgio Massignan «questa parte di Verona va tutelata dal punto di vista paesaggistico e la presenza del Lazzaretto», simbolo di confino, «dovrebbe...

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Opinioni

Il Consiglio comunale condanni con una mozione le modalità di rielezione di Cecilia Gasdia a Sovrintendente e la sua successiva nomina al vertice dell'Extra...

Interviste

INTERVISTA – Il teatro secondo l'attore, regista e autore cinematografico Alessandro Anderloni: «La disobbedienza è fondamentale per la nostra società, perché scatena pensieri, discussioni...