Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

Rispetto ad otto anni fa i veronesi fumano meno e respirano meglio

I fumatori sono diminuiti del 5% e sono in lieve calo anche le patologie cronico ostruttive. I dati della ricerca verranno presentati in un convegno il 15 marzo in Gran Guardia

Ospedale Sacro Cuore Negrar
Ospedale Sacro Cuore, Negrar

La nuova ricerca “Come va il tuo respiro”, effettuata su un campione di residenti a Verona dalla Pneumologia dell’Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar, in collaborazione con il Comune di Verona, ha confrontato i nuovi dati con quelli del progetto “Scopri il tuo respiro”, realizzato nel 2010-2011.

Rispetto ad 8 anni fa, i veronesi fumano meno e respirano meglio. Dati sorprendenti e incoraggianti che, per la prima volta dagli anni Novanta, segnano un cambio di tendenza.

Uno studio più che attendibile, visto il tasso di adesione pari al 70,3 per cento (hanno risposto 646 cittadini su 919 potenzialmente contattabili), per un confronto statico temporale molto accurato. L’utilizzo dello stesso campione di indagine, arruolato per la prima ricerca del 2010-2011, ha consentito di studiare l’evoluzione della loro salute respiratoria, ma anche di fornire elementi utili per valutare azioni e strategie da attuare per continuare il trend positivo.

Dai risultati delle spirometrie e dall’analisi dei questionari sottoposti ai partecipanti, sono emersi numeri rilevanti, primi tra tutti che, rispetto al 2010-2011, i fumatori sono diminuiti del 5%, così come sono calate le patologie cronico ostruttive sono state rilevate stabili o in lieve calo.

Anche i sintomi respiratori – come tosse, catarro e dispnea – sono in diminuzione. Tra questi, merita particolare attenzione il sintomo della tosse cronica, che mostra la prevalenza più elevata tra i sintomi respiratori (circa 1 soggetto ogni quattro).

In risposta a ciò, l’IRCCS Ospedale Sacro Cuore Don Calabria ha da poco attivato al Centro Diagnostico Terapeutico di via San Marco, il Centro della Tosse al fine di offrire un servizio più specifico ed efficace alla popolazione veronese che soffre di questo problema.

Nei prossimi due anni i risultati saranno incrociati con il database dell’ULSS 9 per analizzare i dati sulla salute respiratoria alla luce del consumo di farmaci respiratori, degli accessi in ospedale o nei distretti.

La conferenza con la presentazione dei risultati in Sala Arazzi

La conferenza con la presentazione dei risultati in Sala Arazzi

Nel dettaglio, i numeri della ricerca, che per la sua caratteristica epidemiologica è prima nel suo genere in Italia, saranno oggetto di un convegno aperto alla cittadinanza, in programma venerdì 15 marzo alle 17 in Gran Guardia.

«Il fumo e l’inquinamento sono le principali cause delle malattie respiratorie – ha affermato il responsabile della Pneumologia del Sacro Cuore Carlo Pomari –. Il merito della loro diminuzione va riconosciuto sicuramente ai cittadini, che rispetto ai decenni scorsi sono molto più sensibili e attenti a come migliorare la qualità della loro vita, ma anche agli enti locali, le cui linee politiche hanno ricadute anche sul settore sanitario».

«Un lavoro partito anni fa nelle circoscrizioni e che ora ha un’importante valenza sanitaria oltre che scientifica – ha detto l’assessore al Decentramento Marco Padovani–. I dati sono incoraggianti, perché dimostrano quanto sia fondamentale la prevenzione e come i cittadini siano attenti alla propria salute. Numeri importanti anche per l’Amministrazione, impegnata con iniziative e progetti per promuovere tra i cittadini comportamenti e stili di vita virtuosi».

L’indagine “Come va il tuo respiro”, patrocinata dalla Regione Veneto e dall’Ordine dei Medici ed Odontoiatri di Verona, è stata realizzata con il contributo dei Fondazione Cattolica Assicurazioni, Chiesi Farmaceutici, Agsm e Veronafiere.

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

Opinioni

Continua l'indagine della Procura di Bergamo sulle prime fasi della pandemia e sul mancato aggiornamento del Piano anti-pandemico

Opinioni

Il messaggio salvifico che il mito cristiano, tra il luccichio di stelle e comete della leggenda, ripropone ogni anno a credenti e non-credenti

Opinioni

Il convegno ADOA, Covid post Covid e Pnrr, ha evidenziato la la crisi delle strutture sanitarie per far fronte all'emergenza Covid e la necessità...

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Advertisement