Connect with us

Hi, what are you looking for?

Verona illustrata a tavola

Nessuna categoria

Verona illustrata a tavola, un volume di Andrea Brugnoli

Martedì 4 dicembre, alle ore 17, in Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere di Verona (via Leoncino, 6), verrà presentato il volume “Verona illustrata a tavola. Agricoltura, alimentazione e cucina in una città e nel suo territorio” di Andrea Brugnoli, edito da Gianni Bussinelli Editore e con una prefazione di Giuliano Volpe.
Dopo i saluti del presidente dell’Accademia, avv. Claudio Carcereri De Prati, e l’introduzione di Mario Pezzotti, ordinario di Genetica agraria e prorettore dell’Università di Verona, l’autore dialogherà con Giulio Zavatta, professore incaricato di storia dell’architettura all’Università Ca’ Foscari.
Al termine, un aperitivo offerto dal Consorzio Tutela Soave e Recioto di Soave.

L’opera è un’agile narrazione, ricca di rimandi e di curiosità, ampiamente illustrata da opere dell’arte veronese, dall’antico al contemporaneo, che si propone di offrire alcune risposte a un cruciale quesito: esiste, di fatto, una peculiarità veronese nelle varie produzioni agroalimentari e nelle diverse cucine locali? E, se c’è, quali sarebbero i suoi elementi costitutivi e quando si sarebbe formata? 
Attraverso i risultati di una rigorosa ricerca storica, condotta esclusivamente attraverso le fonti, in 35 capitoli suddivisi tra quattro grandi aree (pane, companatico, frutta e dolci, vino e bevande) vengono illustrate le vicende di quanto oggi sia ritenuta “tradizione” (o di quanto possa essere stata) nel campo delle produzioni agricole, della cultura alimentare e delle pratiche culinarie di questa città e del suo territorio. Piú che pretendere di dire cosa sia o non sia oggi “tradizione”, l’autore cerca di dare un contributo per guardare consapevolmente a Verona e al suo territorio: perché l’immaginario che attorno al cibo viene costruito è comunque veicolo di una rappresentazione del futuro.

Dalla prefazione di Giuliano Volpe, già Presidente del Consiglio Superiore per i Beni Culturali e paesaggistici:
Cosa intendere oggi per “tradizione” veronese e come stabilire un dialogo con la modernità? Come evitare di stravolgere, in nome di una supposta tradizione o di una presunta vocazione, un paesaggio agrario complesso ed equilibrato? L’unica possibile risposta è: con la ricerca, lo studio e la conoscenza, cioè con una base scientificamente solida di dati. 
Andrea Brugnoli accompagna per mano tanto lo studioso quanto il semplice lettore, l’appassionato, il cittadino, il viaggiatore, a conoscere la varietà del territorio e la diversificazione delle sue produzioni, i modi e i tempi della formazione di una cucina “tradizionale” veronese. Ci aiuta anche a uscire dall’insopportabile «retorica e inconsistenza di tante narrazioni oggi prevalenti», affrontando un tema così complesso con maggior spirito critico.
Erede di una tradizione gloriosa, che risale fino a Emilio Sereni e al suo Storia del paesaggio agrario italiano, Brugnoli usa sapientemente le fonti iconografiche, con uno spettro cronologico assai ampio, dall’età romana a oggi, fornendoci una raccolta ricca e affascinante di immagini accompagnate da dense informazioni storiche.

Written By

redazione@verona-in.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

CS

Dal Consigliere comunale e capogruppo del Pd Verona Federico Benini riceviamo e pubblichiamo. La commissione toponomastica del Comune di Verona, riunitasi il 5 novembre...

Nessuna categoria

Continuano all’Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere di Verona (Via Leoncino, 6) la serie d’incontri gratuiti sull’educazione energetica rivolti ai docenti di diversi gradi...

Cultura

Fumane, Marano, Negrar, Pescantina e San Pietro in Cariano i comuni aderenti. Venerdì 21 ottobre a Villa Del Quar intervento del prof. Giuliano Volpe, presidente...

Cultura

Benedetto Del Bene, nobile veronese vissuto tra la seconda metà del Settecento e il primo quarto dell’Ottocento, è noto per le traduzioni dei classici...

Advertisement