Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

Serata conclusiva del progetto “Transiti”

transiti
Transiti

Giovedì 29 novembre 2018 a Verona al teatro Aurora, via G. Fracastoro 17 (Borgo Venezia), dalle 20 sarà presentata alla cittadinanz+a la conclusione del progetto “Transiti”, promosso da quattro associazioni in rete e sostenuto dal Centro Servizi per il Volontariato (CSV) di Verona, nell’ambito della “Raccolta di idee per tavoli tematici”. “Transiti” fa parte del più ampio progetto Per una Comunità includente che ricerca lo sviluppo di azioni concrete di sostegno per le persone in condizioni di fragilità.

Le associazioni che costituiscono “Transiti” sono quattro e operano a Verona e provincia: Arci Spazio Solidale (capofila del progetto), ACISJF Protezione della Giovane, CDAV Centro Diocesano Aiuto Vita, Proposte Sociali Onlus.

Queste Associazioni hanno intrapreso dal 2017 un cammino comune per la difesa dei diritti delle persone svantaggiate, in un contesto di solitudine, a volte estrema, di emarginazione sociale a causa di condizioni economiche e fisiche, di discriminazioni dovute all’appartenenza etnica, alla mancanza di fissa dimora, al carcere, affinché in un contesto di accoglienza potessero fare esperienze utili a superare i problemi quotidiani, trovare nuove amicizie, acquisire competenze, superare solitudini e difficoltà determinate dalle discriminazioni, dagli stereotipi e dai pregiudizi della società in cui viviamo.

Il percorso progettuale di “Transiti” ha proposto alcune scelte di vita autonoma, offrendo azioni di inclusione sociale, culturale, educativa, lavorativa per mezzo di strumenti che agevolassero l’inserimento in una comunità accogliente/includente. Questo è stato possibile con l’organizzazione di corsi di formazione lavorativa, ricerca attiva del lavoro, corsi di lingua, incontri e confronti attraverso la scrittura e la pittura, accompagnamento psicologico individuale, preparazione alla maternità, esperienze intergenerazionali per l’approfondimento della conoscenza dei diritti e della legalità, cineforum e sessioni di arti marziali.

Per approfondire queste esperienze è stato preparato il libro Transiti – Progetti di vita, un diario di bordo che, partendo dalla genesi del progetto, illustra le azioni che hanno consentito lo sviluppo positivo delle idee messe in campo. Il libro sarà presentato nel corso della serata del 29 novembre e sarà distribuito gratuitamente. Alla serata saranno presenti i referenti delle quattro Associazioni che forniranno tutte le informazioni richieste.

A seguire la compagnia teatrale La pel d’oca presenterà Punti di vista, uno spettacolo che parla di accoglienza e integrazione, in chiave ironica e autoironica. La pel d’oca è un gruppo teatrale nato all’interno dell’Associazione Self Help San Giacomo, operativa a Verona in ambito psichiatrico dal 1990, che prosegue nel tempo con la creazione della Cooperativa Sociale Self Help Onlus.

Il progetto “Transiti” ha avuto partner istituzionali quali il Comune di Verona, Assessorato ai Servizi Sociali – Turismo Sociale – Lavoro – Istruzione – Personale e il Comune di Villafranca e partner dell’associazionismo veronese, quali l’ARCI di Verona e i Circoli Arci “Artingegno”, “Fuori Nota”, “L’Isola che c’è”, “Passepartout”; l’Associazione Aribandus; la Fondazione Historie Onlus; Lavoro & Società Soc. Cons. a.r.l.; Medialabor s.r.l..

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

Interviste

Olivia Guaraldo, filosofa dell'Università di Verona: «Spesso le donne si rispecchiano nella mancanza di valore simbolico del loro sapere. Ciò fa sì che non...

Opinioni

In una kermesse che conta 31 appuntamenti, che dal Veneto alla Sicilia toccano luoghi prestigiosi del patrimonio Unesco, 24 sono condotti da uomini (peraltro...

Interviste

«Sono felice del mio lavoro, abbiamo messo delle belle fondamenta per il futuro di Verona. Ho sempre creduto nel dialogo e nella relazione, caratteristiche...

Foto

Insieme sulla linea di partenza i due giovanissimi si sfidano. Vincerà lei ma in realtà il viso del ragazzo ci dice che hanno vinto...

Advertisement