Connect with us

Hi, what are you looking for?

signorina Else

Spettacoli

L’altro Teatro, Federica Sandrini è la Signorina Else al Camploy

Venerdì 13 aprile alle 20:45 va in scena al Camploy nell’ambito della prosa fuori abbonamento dell’Altro Teatro l’attesissima Signorina Else, spettacolo tratto dall’omonimo racconto di Arthur Schnitzler (1862-1931) del 1924. Di Alberto Oliva la regia, di Enrico Groppali la traduzione. Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Stabile di Napoli e da Teatro Out Off, ha per protagonista la veronese Federica Sandrini, applaudita interprete, due mesi fa al Nuovo, di Sei personaggi in cerca d’autore accanto a Eros Pagni e a Gaia Aprea. L’allestimento di questa Signorina Else, andata in scena in prima nazionale lo scorso maggio al Mercadante di Napoli, è coinciso con l’anno dello scandalo Weinstein che ha visto molte donne denunciare pubblicamente gli abusi sessuali subiti in cambio di opportunità lavorative.

Else è una diciannovenne viennese di buona famiglia borghese. Il padre, famoso avvocato, ha il vizio del gioco e rischia spesso l’arresto. Durante una vacanza in montagna a San Martino di Castrozza, Else riceve un’accorata lettera della madre che le comunica che il padre rischia l’arresto per sottrazione indebita di denaro. La madre implora la figlia di chiedere trentamila fiorini (che poi diventano cinquantamila) a un ricco amico di famiglia che si trova per caso nello stesso albergo di Else. Una richiesta subdola nel paventare la possibilità che il padre si tolga la vita nel caso venga arrestato.
Il laido signor von Dorsday, amico del padre di Else, darà il denaro a condizione che Else gli si mostri totalmente nuda. Attraverso il monologo interiore della ragazza – messa di fronte alla necessità di prostituirsi per salvare suo padre dal suicidio e la famiglia dallo scandalo e dalla bancarotta – Schnitzler critica impietosamente la società viennese dell’epoca. In particolare la famiglia, la condizione femminile e la frivolezza e la superficialità della borghesia viennese.

«“Prima di scendere fra quella volgare accozzaglia, vorrei gridare all’aria un addio. Ma a chi sarebbe rivolto? Mi sento così sola, nessuno può comprendere la mia straziante solitudine”.
In questa accorata esclamazione della giovane Else – dichiara il regista Alberto Oliva – stanno il senso e la grande forza che trovo nel testo di Schnitzler, un dramma della solitudine e dell’indecisione di straordinaria attualità. Si respira già l’angoscia insanabile della nostra epoca, ipercolta, ipersensibile, iperconsapevole della propria storia, iperprotettiva e iperdistruttiva nei confronti della propria Memoria. Condannata all’immobilità dalla troppa coscienza del passato e travolta dalla paura del futuro che la rende incapace di prendere qualsiasi decisione. Il testo – continua Oliva – appare in tutta la sua forza metaforica nella sua fedeltà all’originale di Schnitzler, proprio perché credo che l’efficacia maggiore stia proprio nella collisione tra un’adesione filologica alla parola dell’autore e un immaginario a noi contemporaneo. Quindi ho scelto di portarlo in scena così com’è stato scritto, sebbene parzialmente tagliato per esigenze sceniche, nella limpida e moderna traduzione di Enrico Groppali».

Written By

redazione@verona-in.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Spettacoli

Briani: «Grazie alla competenza e alla professionalità dei nostri collaboratori, vogliamo continuare a raccontarvi la meraviglia e la bellezza del nostro patrimonio culturale».

Spettacoli

TEATRO CAMPLOY. Isabella Caserta e Francesco Laruffa, dall'assassinio di Desdemona ai femminicidi di oggi, portano crudamente in scena la follia maschile di ieri e dei...

Spettacoli

TEATRO CAMPLOY. Personaggi stralunati sospesi tra poesia e fantasia in un mondo surreale e meraviglioso. Notti felliniane in bilico tra Circo e Dolce Vita.

Spettacoli

TEATRO CAMPLOY. Per L'Altro Teatro insieme sulla scena un danzatore e un cantastorie: l’incontro tra due mondi e due visioni per un singolare viaggio...

Advertisement