Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

Bazar solidale di Natale: una speciale vetrina dell’usato

corso volontariato Fevoss
Corso di volontariato alla Fevoss

Apre dal 13 dicembre al 27 gennaio il negozio della Fondazione Fevoss Santa Toscana

Si veste di un’atmosfera natalizia il Bazar solidale: esperienza di recupero di oggettistica e abbigliamento di seconda mano che ha contribuito alla raccolta fondi per la nascita della Fondazione Fevoss Santa Toscana. L’iniziativa, germogliata nel contesto dei mercatini rionali e cresciuta tra le mura della sede della Federazione dei Servizi di Volontariato Socio Sanitario, si rinnova negli spazi e in una formula sperimentale di laboratorio sociale.

Il Bazar di Natale aprirà dal 13 dicembre al 27 gennaio. Ad ospitarlo temporaneamente saranno alcuni locali adiacenti al cortile interno del Centro di Santa Toscana (in via Santa Toscana, 9 zona Porta Vescovo) che, con generosità, sono stati concessi dalla Fondazione Cariverona.

La natura dell’iniziativa si svela subito nella beneficenza: raccogliere oggetti caritatevolmente donati dai cittadini per metterli a disposizione di chi ne ha necessità, sostenendo in tal modo la mission della Fondazione. È l’altruismo che diviene circolare, attento ai bisogni del prossimo e capace di generare aiuto concreto. Si tratta infatti di una speciale vetrina dell’usato, ma dal risvolto benefico, che privilegia il riuso e la circolarità del dono nel rispetto del valore degli oggetti ceduti dai donatori. Tra gli scaffali di questa singolare bottega si possono trovare capi selezionati con cura e attenzione alla qualità: dall’abbigliamento per adulti e bambini fino all’oggettistica e libri.

Ulteriore evoluzione è trasformare tale iniziativa temporanea, ora limitata alle settimane precedenti e successive alle feste natalizie, in progetto permanente con la possibilità di inserimento lavorativo per soggetti svantaggiati in quanto esclusi dal mondo del lavoro. «Se il periodo di apertura del nostro straordinario negozio porterà i risultati sperati, l’esperienza del Bazar potrà diventare volano di altre idee», spiegano gli organizzatori. «Il nostro progetto, che è in fase di evoluzione, richiede anche uno spazio dedicato da adibire a vetrina solidale permanente e laboratorio sociale. Crediamo nel sostegno dei cittadini veronesi – concludono –, che sono capaci di prendersi cura di chi versa in condizione di bisogno con attenzione e sensibilità, come hanno avuto modo di dimostrare in questi anni di attività del nostro Bazar solidale».

Il Bazar di Natale resterà aperto nei giorni mercoledì, venerdì e sabato dalle 10 alle 17, con orario continuato. Negli orari di apertura, previo appuntamento, si accetteranno donazioni. È possibile inoltre candidarsi come commessi della solidarietà, regalando parte del proprio tempo alla buona causa della Fondazione Fevoss: tra i requisiti richiesti vi sono l’altruismo, l’empatia e la sensibilità verso le persone bisognose oltre alla passione per l’economia del riuso.

Per informazioni e adesioni telefonare al numero 320.2409712 (segreteria Fondazione).

Advertisement. Scroll to continue reading.

Written By

redazione@verona-in.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCARICA GRATIS

L'Arsenale, grande opportunita per Verona

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Editoriale

Alcuni spunti su come riorganizzare un partito che sta perdendo il contatto con gli elettori. Il feeling con i quartieri si ritrova con la...

Opinioni

Durante la COP 15 di Copenaghen i Paesi sviluppati si erano impegnati a versare 100 miliardi di dollari l’anno ai Paesi che avevano subito...

Ambiente

Bolzano è la prima classificata mentre la città scaligera crolla all’ 83ª posto perdendo 14 posizioni. Chiara Martinelli: «Fondamentale accelerare la transizione ecologica urbana»

Interviste

INTERVISTA – Carcereri De Prati, presidente dell'Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere: «Giulietta e Romeo conferiscono a Verona un pizzico di fascino ma non...

Advertisement