Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

Parte dalla scuola la mobilità sostenibile

Primo tavolo d’incontro della commissione Ciclabilità

Un corretto piano della mobilità sostenibile non può non tener conto delle valutazioni e delle esperienze di chi, i mezzi alternativi alle auto, li usa quotidianamente per i propri spostamenti.
È quello che pensano gli assessori all’Ambiente Ilaria Segala e alla Mobilità Luca Zanotto che, al primo incontro della commissione Ciclabilità, organizzato in occasione della Settimana europea della mobilità sostenibile (16 – 22 settembre), hanno voluto incontrare gli studenti delle scuole superiori e i rappresentanti di FIAB, oltre a quelli di Atv e della Polizia municipale.

Durante l’incontro, sono state discusse alcune iniziative per l’anno scolastico appena avviato e sono stati presentati i dati sulla mobilità scolastica raccolti nell’autunno scorso da 8 Istituti Superiori della città, coinvolgendo circa 2800 studenti. Dai questionari compilati, è emerso che per lo spostamento casa-scuola più del 60 per cento dei ragazzi usa il bus o la corriera, il 20 per cento usa la bici o si sposta a piedi, solo il restante 20 per cento è motorizzato.

«L’Amministrazione comunale è convinta che la sensibilizzazione alla mobilità sostenibile debba partire dalla scuola, educando i più piccoli sui temi legati alla tutela dell’ambiente e fornendo invece ai più grandi la possibilità di usare i mezzi alternativi, a cominciare dalla bici, in sicurezza, dotando il territorio di un sistema ciclabile completo e all’avanguardia», ha affermato l’assessore Segala.
«Prima di programmare gli interventi per migliorare il piano della mobilità sostenibile – ha aggiunto l’assessore Zanotto – è necessario conoscerne problemi e criticità; per questo abbiamo voluto anche gli studenti e la FIAB a questo tavolo di confronto, certi che contribuiranno positivamente portando le loro esperienze e proposte».

Tra le iniziative già attuate dall’Amministrazione a favore della ciclabilità cittadina, Zanotto ha ricordato «il ripristino dell’Ufficio biciclette, un punto di riferimento sui temi legati alla mobilità sostenibile, oltre che un utile interfaccia tra il Comune e tutte quelle realtà che si contraddistinguono per una particolare sensibilità verso l’utilizzo della bicicletta».

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCARICA GRATIS

L'Arsenale, grande opportunita per Verona

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Opinioni

Quello che i giovani non dovrebbero fare è scartare a priori ciò che affonda le radici nel passato, seminando una sorta di odio generazionale...

Opinioni

Lo studio prende in esame 22 parametri relativi alla struttura dei servizi e ai livelli di spesa. Un'indagine su povertà, disoccupazione, aspettativa di vita,...

Interviste

INTERVISTA – Andrea Castelletti: «Il teatro d’avanguardia riesce a coinvolgere giovani alternativi ma a Verona ciò che alternativo è sempre molto marginale. I nostri...

Editoriale

Alcuni spunti su come riorganizzare un partito che sta perdendo il contatto con gli elettori. Il feeling con i quartieri si ritrova con la...

Advertisement