Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

Bocciato l’intervento urbanistico proposto per San Rocco

La chiesa di San Rocco a Quinzano (Verona)

Il Pua era stato presentato a febbraio da alcuni privati ma per l’assessore Caleffi il progetto non è adeguato all’altissimo pregio paesaggistico dell’area collinare nella frazione di Quinzano

La Giunta comunale ha restituito ai proponenti il Pua (Piano urbanistico attuativo) “San Rocchetto” di Quinzano. L’ha reso noto l’assessore all’Urbanistica Gian Arnaldo Caleffi al termine della seduta di giovedì 6 ottobre. «L’Amministrazione comunale tende a favorire le iniziative di sviluppo del territorio – spiega Caleffi – ma nel caso di questo Pua, presentato nel febbraio di quest’anno con successiva integrazione in aprile, il progetto non risultava adeguato all’altissimo pregio paesaggistico dell’area collinare in cui avrebbe dovuto inserirsi: la superficie piana attigua a quella dove sorge la chiesa di San Rocco, delimitata ad ovest dal crinale del monte Cavro, che accoglie l’eremo quattro-cinquecentesco di San Rocchetto e, ad est, dal progno di Quinzano».

Gian Arnaldo Caleffi

Gian Arnaldo Caleffi

«Il confronto delle modalità dell’intervento urbanistico programmato dai soggetti proponenti con le disposizioni delle norme relative alla tutela paesaggistica rivela la generale inadeguatezza del progetto proposto – prosegue Caleffi – e, in parte, il suo contrasto con le prescrizioni e le direttive delle norme del PI relative alle aree di particolare pregio naturalistico». Pertanto la Giunta, nonostante il progetto di Pua sia conforme alle norme e allo strumento urbanistico vigenti, ha deciso di non adottarlo, fornendo tuttavia ai soggetti proponenti, nell’atto di restituzione, tutte le indicazioni utili a ripresentare un nuovo piano.

L’adozione da parte della Giunta di un Piano attuativo di iniziativa privata – conclude l’assessore – non è un atto dovuto: poiché vi è una pluralità di modi con i quali dare attuazione alle previsioni dello strumento urbanistico generale, è ineliminabile la sussistenza di un potere discrezionale nella valutazione delle soluzioni proposte. Il Comune, infatti, non può limitarsi a svolgere un semplice riscontro della conformità del piano allo strumento generale, ma è tenuto ad esercitare i poteri di pianificazione del territorio comunale. Per questo, preso atto del parere negativo della circoscrizione II, dell’opposizione del comitato dei cittadini, e del parere richiesto all’avvocato Stefano Baciga, la Giunta ha deciso oggi di restituire ai proponenti il Pua San Rocchetto».

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banner-Studio-editoriale-Giorgio-Montolli

MEMORY BOOKS

Scarica gratis

COSA SONO I MEMORY BOOKS?
Approfondimenti su tematiche veronesi.
A COSA SERVONO?
Offrono una visione diversa di città.
QUANTO TEMPO PER LEGGERLI?
15 minuti.
PERCHÉ SCARICARLI?
Sono rari.
QUANTO COSTANO?
Nulla.

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Flash

Il progetto si inserisce nelle misure che l’Amministrazione comunale sta mettendo a punto a favore della mobilità sostenibile e della qualità dell’aria

Opinioni

La città ha bisogno di una pianificazione che comprenda i sistemi economico-produttivo, residenziale, del verde, dei parchi, della mobilità, della cultura e degli edifici...

Ambiente

Realizzare nuove strade, parcheggi, allargamenti di carreggiate, svincoli, rotonde, tunnel sono sempre state le priorità per le amministrazioni di qualsiasi colore. Ma si è...

Editoriale

Alcuni spunti su come riorganizzare un partito che sta perdendo il contatto con gli elettori. Il feeling con i quartieri si ritrova con la...

Advertisement