Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

Acquamarina

La scorsa notte mi è capitato di star molto sott’acqua e di non soffocare, di guardare il colore del giorno col naso all’insù, attraverso il mare, senza annegare. Dall’elegante molo a due piani, in stile coloniale, oziosamente si attendeva nell’afa estiva un’occasione mondana, educatamente si conversava con le signore dai cappellini alla moda, color crema e blu. Con grande clamore, nell’acqua iniziava una coreografia di bellissime ballerine mulatte vestite di perle in un gorgo di ondine, e i gentiluomini stavano sporti sui parapetti per afferrare sensualità e frescura. Anch’io scendevo le scale del molo, immergendomi fino alla cintola assieme a chi, assillato dal caldo, voleva osservare da vicino quel carnevale, fino a scorgere i muscoli e la pelle delle sirene assorte nel ballo.

D’improvviso, lentamente da ovest un’onda si avvicinava al molo, era alta come un palazzo ma non sembrava minacciosa – È preziosa! La folla nel panico gridava ma il delirio fu presto sommerso dal muro d’acqua sconnesso, fatto come di tanti cristalli e di lunga, lunghissima pioggerella, color trasparente e azzurro-verdina, come l’acquamarina. Decisi così di non avere paura ma di stringermi al mancorrente, di prendere brevi e profondi respiri per riempire i polmoni, aspettando di finire immersa in quell’onda che rifletteva il sole, che faceva il rumore di una cascata tropicale. Le persone non hanno buon senso nell’acqua, pensano sempre ad averne paura e ai vestiti sciupati, e non si accorgono che l’acquamarina li ha soltanto zittiti per pochi minuti, rimasti seduti sui canapè in bambù non li ha lasciati uguali a prima, ma ancora vivi e davvero molto bagnati.

Passata la piena, indolenzita abbandonavo la presa e risalivo le scale – Dove saranno andate le sirene? E il mio cavaliere tutto zuppo dal piano di sopra era sceso credendomi persa, camminando verso di me su un fradicio tappeto rosso, dove mi abbracciava e non mi lasciava più.

Camilla Cortese

Written By

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCARICA GRATIS

L'Arsenale, grande opportunita per Verona

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Territorio

Caccia senza porto d'armi, fucili con più colpi di quelli consentiti, reti appese in un'abitazione privata e abbattimento e cattura di specie protette.

Territorio

Dal report della Camera di Commercio di Verona emerge la grave crisi del comparto, con 8 milioni di presenze in meno rispetto al 2019.

Ambiente

Scopo dell’iniziativa è anche quello di sensibilizzare la cittadinanza a comportamenti virtuosi nei confronti dell’ambiente

Territorio

Torna ad essere sorvegliato speciale il Torrente Gusa. Legambiente chiede alle amministrazioni di vigilare e di creare un progetto unitario tra Veneto e Lombardia...

Advertisement