Connect with us

Hi, what are you looking for?

Spettacoli

Scandalo, l’amore impossibile e il rifiuto per l’altro

Scandalo Arthur Schnitzler

Scandalo di Arthur Schnitzler – opera inedita in Italia, messa in scena a Verona per la trentesima edizione del Grande Teatro – racconta la storia d’amore fra Hugo, rampollo dell’alta borghesia, e Toni, ragazza di umili origini.

Dopo il successo di Sarto per signora di Feydeau il Grande Teatro 2015-16 propone, martedì 8 dicembre alle 20.45 al Nuovo, un’opera di Arthur Schnitzler (1862-1931) finora inedita in Italia: Scandalo con la regia di Franco Però e con la traduzione di Ippolito Pizzetti, protagonisti Stefania Rocca e Franco Castellano. Lo spettacolo è prodotto dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, da Artisti Riuniti e da Mittelfest 2015. Scritta nel 1898, questa commedia di Schnitzler è incentrata su un amore che le convenzioni borghesi proibiscono e denuncia l’ingiustificata paura per l’estraneo, lo “straniero”.

Medico, scrittore e drammaturgo, Schnitzler giunse al successo definitivo con Girotondo e con altre opere, sia commedie che romanzi. Fu allora che il padre della psicoanalisi Sigmund Freud – con cui intratteneva da anni uno scambio epistolare dopo averlo conosciuto e frequentato per un interesse comune, quello per l’ipnosi – cominciò a interessarsi a lui considerandolo una sorta di suo “doppio”. Un interesse che se da una parte gratificava Schnitzler, dall’altra lo intimoriva. Di fatto, l’opera di Freud sembra aver influenzato notevolmente la produzione di Schnitzler.

Nell’Italia di oggi o nella Vienna di ieri, il sospetto, l’esclusione e il rifiuto per l’“altro” che sono alla base di “Scandalo” sono armi taglienti che mietono vittime. È dunque antesignana e ancora incisiva la denuncia di Schnitzler, cui Franco Però restituisce respiro e intensità in uno spettacolo davvero avvincente.

Scandalo racconta una storia d’amore che travolge gli schemi stantii della società: è l’amore che lega Hugo, rampollo dell’alta borghesia, e Toni, ragazza di bassa estrazione. È l’amore da cui nasce Franz, per quattro anni tenuto nascosto alla famiglia di lui, come la loro felice relazione. Improvvisamente Hugo ha un incidente e, in fin di vita, chiede alla famiglia di accogliere il figlio e la donna. La famiglia affronta lo scandalo e Toni e il bimbo sono accolti nella ricca casa dei Losatti circondati d’affetto, tanto che la giovane inizia a immaginare una nuova vita. Ma in breve la presenza “estranea” inizia a suscitare insofferenza: si allontanano gli amici e muta il peso della famiglia in società. A far deflagrare il fragile equilibrio è l’improvvisa morte del piccolo Franz. Nulla, a questo punto, potrà più arginare la vigliaccheria e la volgarità di quell’ambiente dorato. E Toni ne sarà drammaticamente vittima.

«Scandalo – dice il regista Però – è da intendersi nel senso antico del termine, skàndalon, ovvero ostacolo, insidia. E proprio un’insidia sono Toni Weber e il figlio Franz. Essi sono visti come un ostacolo alla vita della famiglia, e alle proprie relazioni altolocate. La loro presenza è sentita come scandalosa, provocando l’allontanamento di amici e conoscenti. Come in uno specchio, in essi – ma soprattutto in Toni – si riflettono i comportamenti dei vari membri della famiglia: quel padre, il professor Losatti, dapprima disponibile ad accettare il dono, ma che poi – alla scomparsa del bambino – lo rigetta con scandalosa tranquillità. E scandaloso è il comportamento di Ferdinand, il giovane medico fidanzato della sorella di Hugo, carrierista convinto che vede in Toni colei che gli ricorda, con la sua sola presenza, le stesse basse origini e con volgare veemenza vuole allontanarla. E anche la remissività della madre, Betty, alla fine diventa uno strumento contro la presenza della ragazza. Così, i pochi che vorrebbero accogliere la straniera, devono soccombere di fronte alle granitiche certezze di un ambiente che ne vuole l’esclusione. L’estranea, la straniera è colei che ti mette di fronte alle tue paure, mette in crisi le tue certezze e l’ambiente in cui vivi. Schnitzler – prosegue Però – racconta questa storia con grande e crudele lucidità, ma lo fa sempre in punta di penna, con leggerezza, con un dialogo veloce e brillante, e solo alla fine ti rendi conto del disegno perfetto di questo, quasi inconsapevole, atto criminoso. Oggi, come nella Vienna di fine Ottocento, feroce è l’attacco di Schnitzler alla società, un attacco costruito senza alcuna forzatura. Grazie alla sapiente costruzione dei dialoghi e delle scene, il pubblico è trascinato dentro questa commedia amara. Solo alla chiusura del sipario – conclude il regista – il pubblico si renderà conto di aver assistito al lucido smascheramento dei lati oscuri e perversi di una società».

Giunta al successo col film di Gabriele Salvatores Nirvana (1997), Stefania Rocca ha interpretato numerosi film tra cui Pene d’amor perdute (2000) di Kenneth Branagh, Heaven (2002) di Tom Tykwer, Casomai (2002) di Alessandro D’Alatri, La bestia nel cuore (2005) di Cristina Comencini e Il terzo tempo (2013) di Enrico Maria Artale. Numerose anche le serie televisive di successo da lei interpretate: da Tutti pazzi per amore a Edda Ciano e il comunista, da Una grande famiglia ad Adriano Olivetti – La forza di un sogno. Anche Franco Castellano ha legato il suo nome a numerose serie televisive di successo. Tra le sue più celebri interpretazioni teatrali, quella del dentista Giuliano Foch in Fiore di Cactus di Pierre Barillet e Jean Pierre Gredy accanto a Eleonora Giorgi e a Giorgia Trasselli.

Gli altri interpreti di Scandalo sono Filippo Borghi, Adriano Braidotti, Federica De Benedittis,

Ester Galazzi, Andrea Germani, Lara Komar, Riccardo Maranzana, Astrid Meloni, Alessio Bernardi e Leon Kelmendi. Di Antonio Fiorentino le scene, di Andrea Viotti i costumi, di Pasquale Mari le luci e di Antonio Di Pofi le musiche.

Dopo la “prima” di martedì, repliche tutte le sere alle ore 20.45 fino a sabato. L’ultima replica, domenica 13 dicembre, è alle ore 16.00.

Giovedì 10 alle ore 18.00, al Teatro Nuovo, Stefania Rocca, Franco Castellano e gli altri interpreti dello spettacolo incontreranno il pubblico. L’ingresso all’incontro è libero.

Info e vendita biglietti al Teatro Nuovo, tel. 0458006100.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri articoli

Spettacoli

TEATRO NUOVO. L’edizione 2020-21 prevede nei mesi prossimi il recupero degli spettacoli non andati in scena per il lockdown. Riparte anche la Scuola di...

Spettacoli

Lunedì 25 novembre sono state presentate in sala Arazzi a palazzo Barbieri, le linee programmatiche future de L'Altro Teatro, del Grande teatro e del...

Spettacoli

Martedì 10 aprile alle 20.45 (con repliche fino al 15) si conclude al Nuovo la trentaduesima edizione della rassegna Il Grande Teatro organizzata dal Comune...

Opinioni

Una raggiunta consapevolezza che si rafforza anche per effetto degli scandali di questi giorni sulla privacy violata di milioni di utenti FaceBook. Certi argomenti...

Advertisement