Connect with us

Hi, what are you looking for?

Spettacoli

Presentato il cartellone del Grande Teatro 2015-2016

Decamerone, vizi, virtù, passioni

Presentata in Comune la stagione 2015-2016 del Grande Teatro. La rassegna si aprirà al Nuovo il 10 novembre con lo spettacolo diretto da Marco Baliani Decamerone vizi, virtù, passioni.

Prenderà il via martedì 10 novembre al Tetaro Nuovo di Verona la stagione 2015-2016 del Grande Teatro organizzata dal Comune in collaborazione con il Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale. Il cartellone è stato presentato in Municipio martedì 29 settembre dal consigliere comunale incaricato alla Cultura Antonia Pavesi e dal direttore artistico della rassegna Gianpaolo Savorelli. Presenti il consigliere provinciale Luca Zamperini, il presidente del Teatro Stabile del Veneto Angelo Tabaro con il direttore Massimo Ongaro, il direttore artistico del Teatro Nuovo Paolo Valerio e il responsabile delle Sponsorizzazioni Unicredit Remo Ballini. Il cartellone prevede 8 spettacoli per un totale di 48 serate al Teatro Nuovo, dal martedì alla domenica, fino al 10 aprile 2016.

«Quest’anno Il Grande Teatro – ha detto Savorelli – si presenta con un cartellone totalmente rinnovato nella proposta artistica, pur mantenendo l’obiettivo di fondo che l’ha sempre contraddistinto: portare a Verona il meglio della produzione teatrale dell’annata con otto titoli mai rappresentati nelle precedenti edizioni e un mix stimolante di classico e contemporaneo».

La rassegna si aprirà il 10 novembre con lo spettacolo diretto da Marco Baliani Decamerone vizi, virtù, passioni, liberamente tratto dal Decameron di Giovanni Boccaccio, con Stefano Accorsi, in replica fino al 15 novembre; dal 24 al 29 novembre seguirà lo spettacolo Sarto per signora, prodotto da ErreTiTeatro30 con Emilio Solfrizzi per la regia di Valerio Binasco. Dall’8 al 13 dicembre sarà la volta dello spettacolo, inedito in Italia, Scandalo tratto dall’opera Das Vermächtnis del drammaturgo austriaco Arthur Schnitzler, con Stefania Rocca e Franco Castellano per la regia di Franco Però. Dal 12 al 17 gennaio andrà in scena Il testamento di Maria, di Colm Tòibin, con Michela Cescon, diretta da Marco Tullio Giordana, nell’allestimento del Teatro Stabile di Torino e del Teatro Stabile del Veneto in collaborazione con Zachar Produzioni. Dal 26 al 31 gennaio andrà in scena lo spettacolo prodotto da Zocotoco, The Pride, di Alexi Kaye Campbell con Luca Zingaretti, nel ruolo di regista e interprete, e con Valeria Milillo, Riccardo Bocci e Alex Cendron. La rassegna proseguirà con lo spettacolo Provando… Dobbiamo parlare, scritto da Sergio Rubini, Carla Cavalluzzi e Diego De Silva, in scena dal 23 al 28 febbraio, con Fabrizio Bentivoglio, Maria Pia Calzone, Isabella Ragonese e Sergio Rubini. Dal 15 al 20 marzo andrà in scena Il deserto dei Tartari di Dino Buzzati, con la regia di Paolo Valerio e l’allestimento del Teatro Stabile del Veneto. Chiuderà la rassegna, dal 5 al 10 aprile, lo spettacolo Carmen di Enzo Moscato con Iaia Forte e Roberto De Francesco, prodotto dal Teatro Stabile di Torino e diretto da Mario Martone.

La rassegna è organizzata con il contributo della Provincia di Verona e di Unicredit, main partner. Tutte le informazioni sono disponibili sui siti www.ilgrandeteatro.comune.verona.it e www.teatrostabileveneto.it e al numero 045 8006100. Dal 6 al 16 ottobre (dalle 16 alle 19.30, esclusi i festivi) sarà possibile confermare i vecchi abbonamenti, mentre dal 20 al 30 ottobre ci sarà la vendita dei nuovi abbonamenti. Dal 2 novembre vendita dei biglietti al Teatro Nuovo, tramite circuito Geticket (numero verde sportelli Unicredit Banca abilitati.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri articoli

Cultura

L'offensiva nera contro il sindacato anticipò l'occupazione del Corriere del Mattino e la salita al potere del Fascio nel 1922

Inchieste

INCHIESTA – Dubbi sui piloni del viadotto di San Bonifacio per la possibilità che scavi profondi colleghino falde pulite e aree contaminate

Interviste

INTERVISTA – I dubbi di Vasco Carradore ex consigliere comunale di San Bonifacio: «Con gli scavi le falde potrebbero essere a rischio»

Editoriale

Il giornale Verona In punta sulla formazione degli aspiranti giornalisti. Il Progetto editoriale e la campagna di crowdfunding Stampa libera.

Advertisement