Connect with us

Hi, what are you looking for?

Spettacoli

L’Estate Teatrale al Camploy continua con Il bruco mangiatutto

bruco_mangiatuttoIl bruco mangiatutto realizzato da Fondazione Aida è il secondo spettacolo dell’Estate Teatrale Veronese al Camploy, in scena il 7 e l’8 luglio. Destinato ai bimbi, intende avvicinarli a una prima conoscenza della lingua inglese.

Il secondo appuntamento con l’Estate Teatrale Veronese al Camploy è a misura di bimbo (dai quattro ai sette anni): uno spettacolo divertente, in grado di catturare l’attenzione dei piccoli e delle loro famiglie, e nello stesso tempo, istruttivo.

Il bruco mangiatutto, realizzato da Fondazione Aida, va in scena in prima nazionale martedì 7 luglio alle 21.15 con replica il giorno successivo. La regia è firmata da Nicoletta Vicentini.

Liberamente ispirata al libro di Eric Carle Il piccolo bruco mai sazio (The very hungry caterpillar), la pièce intende avvicinare i bambini alla lingua inglese attraverso l’utilizzo di parole funzionali alla storia che prende forma sul palcoscenico dove si muovono le attrici Marina Fresolone e Lara Finardi che coinvolgeranno il pubblico.

Il protagonista dello spettacolo è, come dice il titolo, un bruco che rotolando esce da un uovo finito in un Paese lontano: l’Inghilterra. Strada facendo, l’animaletto, preso dalla fame, vuole divorare tutto quello che incontra sul suo percorso: dal gelato al formaggio, dal dolce al cioccolato e all’anguria. Di tutte queste leccornie però non conosce il nome. E allora saranno proprio i bimbi presenti in sala che, aiutati e sollecitati dalle attrici, lo aiuteranno a usare le parole inglesi. Fino alla sorpresa finale.

«La storia – spiega la regista veronese – è il pretesto per avvicinare i piccoli spettatori alla lingua inglese. Attraverso giochi, filastrocche e indovinelli, avranno la possibilità d’imparare in lingua numeri, colori e tante nuove parole».

Con l’ausilio di simpatici pupazzi e attraverso canzoni e balletti, lo spettacolo intende mostrare come l’apprendimento di una lingua straniera possa diventare un gioco dove, come sottolinea la regista, “divertimento e apprendimento vanno a braccetto”.

Il bruco mangiatutto è prodotto in collaborazione con Pingu’s English e con il sostegno della Regione Veneto.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

CS

"Scherza con i fanti e lascia stare i santi” è il commento di Alberto Zelgher, capogruppo della Lega in Consiglio comunale.

Spettacoli

CHIOSTRO DI SANTA EUFEMIA. Non c’è poema epico che come questo, non continui a farci riflettere sul ruolo che l’uomo ha in relazione alla...

Spettacoli

TEATRO ROMANO – La Commedia dell'Arte al tempo del Coronavirus. Il regista Matteo Spiazzi: «Risate e spunti di riflessione, nella speranza di tornare a...

Spettacoli

Ad agosto spazio dedicato alle compagnie professionali veronesi mentre a settembre Romeo e Giulietta vedrà protagonisti Ugo Pagliai e Paola Gassman diretti da Babilonia...

Advertisement