Connect with us

Hi, what are you looking for?

Lutto

Lacrime d’inchiostro per la scomparsa di Dalle Molle

Inchiostro, Fiera dei libri” in Gran Guardia a Verona

È mancato improvvisamente Giampiero Dalle Molle, giornalista, editor, promotore culturale e creatore di Inchiostro

Ancora non riusciamo a crederci. La notizia è stata così fulminea e devastante che la mente fatica ad accettare la realtà. A tutti noi amici di lunga data, sembra impossibile non trovarlo in redazione, seduto al suo mac strapieno col sorriso sornione di sempre o non pensarlo con gli sci ai piedi sulle amate piste di Brunico. Invece, Giampiero Dalle Molle se n’è andato improvvisamente poco prima dell’’alba del 20 aprile 2015, senza che ore di sala chirurgica e mani esperte abbiano potuto nulla per salvarlo.

Dalle Molle era nato a Parma 52 anni fa e dalla città emiliana aveva ereditato l’ironia sottile e l’amore per le cose belle e buone della vita; il piacere per la buona cucina, prima di tutto. Ma non solo. Fin dalle elementari, ha sempre letto almeno un quotidiano al giorno, iniziando da quello che portava a casa il padre. Inoltre, scriveva moltissimo. Per un periodo, da ragazzo, sì è dedicato ai racconti gialli, ma i risultati non l’’avevano soddisfatto. La passione per la letteratura è cosa innata, ma l’’ambiente familiare, con una madre insegnante di Lettere, ha certamente incoraggiato il giovane Giampiero. E la scrittura è diventata la sua vita. Giornalista professionista, ha esordito come collaboratore e poi redattore non assunto specializzandosi nel settore economico e politico. La prima testata con cui ha collaborato è stata Il Gazzettino, poi Il Nuovo Veronese, Gente Money e la corrispondenza dal Veneto per il Secolo XIX di Genova. Poi è arrivato Inchiostro.

La molla è stata la grande passione per i racconti, genere che in Italia, a suo parere, era sottostimato, al contrario di quel che avveniva nel mondo ispanico o anglosassone, assieme alla consapevolezza che c’erano scarse possibilità di far emergere i talenti letterari. Così nacque Inchiostro, una nuova vetrina per nuovi scrittori, la prima rivista per esordienti in Italia e, forse, in Europa.

Era il 1994 quando Giampiero decise di lasciare Il Nuovo Veronese per la nuova avventura, giunta oggi al ventesimo anno d’attività. Anche se fin dall’inizio la rivista ha avuto una dimensione, un respiro e una distribuzione nazionali, e in certi casi addirittura internazionali, la redazione è sempre stata ancorata alla realtà cittadina: dal 1995 al 2001 la sede di Il Riccio Editore è stata in via Manin, sopra la allora Standa, e da quattordici anni è in via Risorgimento, in Borgo Trento.

In un ventennio, Inchiostro è divenuta il punto di riferimento assoluto, a livello nazionale, per gli autori esordienti e gli scrittori “in erba”: ad oggi, alla redazione sono infatti giunti oltre ventiduemila manoscritti di narrativa e quasi ottomila poesie.
Alcuni di coloro che hanno utilizzato le pagine della rivista veronese come trampolino di lancio per farsi conoscere e uscire dall’anonimato sono poi divenuti scrittori di primo piano: Gianluca Morozzi, Guido Sgardoli e Silvana De Mari, ad esempio, hanno tutti esordito con Inchiostro.

Costruire una credibilità e un consenso così ampio non è stato facile. Gli ingredienti fondamentali sono stati pazienza e costanza. «All’inizio le case editrici a malapena ci rispondevano quando chiedevamo i loro libri da recensire, oggi la situazione si è ribaltata e riceviamo pacchi di libri»,– raccontava Giampiero .– «Se poi non escono le recensioni, gli editori quasi si offendono. Adesso che abbiamo costruito una nostra identità, anche gli autori che pubblichiamo vengono tenuti in considerazione».

Advertisement. Scroll to continue reading.

Nel tempo, quindi, la palestra si è trasformata in scuola. Accanto all’iniziativa editoriale, infatti, Giampiero  ha portato avanti un’’intensa attività didattica, con centinaia di corsi di scrittura creativa, anche nella formula “vacanza/studio” in località turistiche rinomate con insegnanti professionisti di livello nazionale. Recente è la collaborazione con l’università di Verona che si è avvalsa della professionalità di Giampiero come formatore. Nel 2006 creò e realizzò a Verona “Inchiostro, Fiera dei libri”, kermesse letteraria che si svolse per due anni consecutivi nel palazzo della Gran Guardia

«Se penso che, nel 1995, chi ci voleva più bene era disposto a concedere ad Inchiostro al massimo sei mesi di vita» – spiegava Giampiero «– il fatto di essere, dopo vent’anni, non soltanto vivi e vegeti, ma con numeri che crescono anno dopo anno, non può che gratificarci enormemente. Viviamo questo traguardo, però, soprattutto come uno sprone per guardare al futuro e continuare a crescere».

1 Comment

1 Comment

  1. LUCIANO

    28/04/2015 at 13:06

    Giampiero, se una parte del tuo essere scompare a poco a poco in quella bara, il PENSIERO e il RICORDO DI TE diventano ogni giorno piu vividi in chi rimane…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banner-Studio-editoriale-Giorgio-Montolli

MEMORY BOOKS

Scarica gratis

COSA SONO I MEMORY BOOKS?
Approfondimenti su tematiche veronesi.
A COSA SERVONO?
Offrono una visione diversa di città.
QUANTO TEMPO PER LEGGERLI?
15 minuti.
PERCHÉ SCARICARLI?
Sono rari.
QUANTO COSTANO?
Nulla.

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Advertisement