Connect with us

Hi, what are you looking for?

Opinioni

Il lavoro a Verona, i dati della crisi rilevati dalla CISL

L’attivazione degli ammortizzatori sociali ha comportato dal 2009 al 2013 l’erogazione di 48 milioni e 900 mila ore di Cassa integrazione

Anche a Verona la crisi ha colpito quasi tutti i settori manifatturieri e produttivi: agricoltura, industria, costruzioni ed edilizia, commercio e servizi. Uno studio della Cisl ha preso come riferimento i dati forniti dalle agenzie per l’impiego del Veneto e di Verona, i dati ISTAT e quelli forniti dalle sedi delle amministrazioni provinciali. Ne è uscito uno spaccato preoccupante delle situazioni occupazionali, riguardanti tutti i soggetti, italiani e stranieri, uomini e donne e per classi di età.

Nel 2013 in provincia di Verona la media degli occupati nel settore privato è stata di 398.000 unità. In Veneto la media e stata di 2.081.600. Questi dati, sia a Verona che in Veneto, confermano un calo rilevante degli occupati rispetto agli anni precedenti presi a riferimento (dal 2008 al 2013). Tutti i settori hanno registrato nel periodo saldi negativi, che possono così essere riassunti: agricoltura –920 unità, nell’industria –11.885, nei servizi, dopo un –2.025 registrato nel 2009, si arriva ad un calo difficilmente stimabile, date le dinamiche stagionali e quelle legate alle attività turistico alberghiere e dei parchi tematici ( Gardaland, ecc.).

Nello stesso periodo sono emerse sotto varie forme tipologie di lavoro a chiamata, a tempo determinato ed intermittente, in cui i saldi fra le assunzioni e le cessazioni confermano cali impressionanti. Un altro dato rilevante è quello che riguarda il lavoro domestico, principalmente riferito alle nuove figure delle badanti, che risultano in provincia di Verona oltre 14.000 di cui circa 12.000 straniere (Rumene, Moldave,
Marocchine, Srilankesi). Impressionante e’ il dato che riguarda il lavoro parasubordinato, in cui il saldo fra assunzioni e cessazioni è stato di –5.420 unità nel 2012 e –2.560 nel 2013.

La conferma della gravità della crisi è data inoltre dalle varie procedure attuate per ottenere gli interventi degli ammortizzatori sociali. Queste procedure hanno riguardato 1.930 aziende nel Veneto e ben 265 in provincia di Verona. In questo contesto dal 2009 al 2013 si sono registrati a Verona interventi nel settore metalmeccanico per 230 aziende, 142 nel commercio, 57 nel comparto tessile e abbigliamento, 53 nel settore alimentare, 43 nel comparto cartaio e grafico. Per il settore estrattivo, lapideo e delle costruzioni il dato è d difficile da rilevare per la frammentarietà dei settori che costituiscono la filiera delle costruzioni.

L’attivazione degli ammortizzatori sociali ha comportato dal 2009 al 2013 l’erogazione di 48.900.000 ore di Cassa integrazione, di cui 14.077.000 ordinaria, 29.056.000 straordinaria e 5.578.000 in deroga.

Osservando infine i dati relativi alle tipologie delle assunzioni si ha un’ulteriore conferma che la crisi occupazionale avrà ancora tempi lungh. Sempre nel periodo 2008-2013 solo il 18-20% delle assunzioni sono state a tempo indeterminato, rispetto alle altre tipologie: apprendistato, tempo determinato e/o lavoro somministrato.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Non entriamo nel merito di un altro settore delicato che riguarda il mondo dei finti soci delle finte cooperative di produzione e lavoro e dei servizi o delle finte partite IVA di finti artigiani, spesso stranieri, costretti a usare questo stratagemma pur di sbarcare il lunario.

Giuseppe Braga

Written By

Giuseppe Braga è nato a Verona il 12 giugno del 1943. Ha lavorato alle Officine e Fonderie Leopoldo Biasi di Verona. È stato dirigente e membro della segreteria FIMCISL di Verona; dirigente e Segretario generale Federchimici CISL di Verona; Segretario generale SICET CISL di Verona e Responsabile organizzativo Confederazione; consigliere di terza Circoscrizione in Borgo Milano. Durante l’attività sindacale ha ricoperto varie cariche. giuseppe.braga@gmail.com

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCARICA GRATIS

L'Arsenale, grande opportunita per Verona

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Opinioni

Quello che i giovani non dovrebbero fare è scartare a priori ciò che affonda le radici nel passato, seminando una sorta di odio generazionale...

Opinioni

Lo studio prende in esame 22 parametri relativi alla struttura dei servizi e ai livelli di spesa. Un'indagine su povertà, disoccupazione, aspettativa di vita,...

Flash

La Segretaria CGIL Francesca Tornieri: «A fronte di una inflazione galoppante che toglie dalle tasche di ogni lavoratrice o lavoratore circa 173 euro al...

Editoriale

Alcuni spunti su come riorganizzare un partito che sta perdendo il contatto con gli elettori. Il feeling con i quartieri si ritrova con la...

Advertisement