Connect with us

Hi, what are you looking for?

Spettacoli

Al Nuovo La gatta sul tetto che scotta di T. Williams

La-gatta-sul-tetto-che-scotta-foto-di-locandina-®Fabio-LovinoPer l’ultimo spettacolo, il Grande Teatro si affida a un classico: La gatta sul tetto che scotta di Tennessee Williams, da martedì 24 a domenica 29 al Nuovo. Protagonisti due attori che recitano per la prima volta a Verona: Vittoria Puccini e Vinicio Marchioni. Di Arturo Cirillo la regia.

Di Tennessee Wiliams (1911-1983) va in scena al Nuovo per il Grande Teatro, da martedì 24 alle 20.45 a domenica 29 marzo, La gatta sul tetto che scotta (The Cat On a Hot Tin Roof), regia di Arturo Cirillo, traduzione di Gerardo Guerrieri. Protagonisti due attori che recitano per la prima volta a Verona: Vittoria Puccini e Vinicio Marchioni nei ruoli di Margaret e Brick che portano avanti stancamente un matrimonio problematico e senza sesso.

Il padre di Brick è un facoltoso proprietario terriero del Sud degli Stati Uniti, un patriarca autoritario minato da una grave malattia che lo sta conducendo alla morte. Ci sono, poi, la moglie di quest’ultimo e l’altro figlio, il fratello di Brick (con relativa moglie), interessato solo all’ eredità che potrebbe toccargli dopo la morte del genitore. In un simile contesto, Margaret cerca di salvare il suo rapporto con il marito, un ex atleta, ora alcolizzato e prostrato dalla perdita del suo migliore amico cui lo legava un affetto particolare. Per non diventare, come dice il titolo della commedia, una gatta sul tetto che scotta, in procinto di cadere da un momento all’altro e quindi di perdere lo status sociale faticosamente acquisito con le nozze e tornare all’antica povertà, Margaret imbastisce una rete di bugie.

Tra giochi passionali e abili caratterizzazioni, affiorano sensualità cariche di sottintesi e di contenuti inespressi o inesprimibili. All’ideale della purezza dei sentimenti si contrappone la dura realtà di un mondo famigliare e sociale pieno di falsità.

«I personaggi di questo dramma – osserva il regista Cirillo – si rompono, vanno in frantumi, facendo molto rumore, anche se ci sarà l’ipocrisia di chi dirà che non ha sentito niente, di chi non si è accorto che c’è una casa che brucia e sopra al tetto che scotta una gatta che di saltare giù non ne vuole proprio sapere».

Nelle sue opere, Williams esplora e descrive la decadenza morale di certa società americana sviluppando tematiche che ne sono il filo conduttore: la patologia del sesso, la degradazione individuale e collettiva, la violenza della civiltà. La gatta è infatti la rappresentazione di una famiglia americana degli anni Cinquanta che si sgretola a causa di contrasti e rancori.

Ad affiancare i protagonisti sono Clio Cipolletta (Mae), Francesco Petruzzelli (Gooper), Franca Pennone (mamma), Paolo Musio (papà) e Salvatore Caruso (reverendo Tooker e dottor Baugh). Scene di Dario Gessati, costumi di Gianluca Falaschi, musiche di Francesco De Melis, luci di Pasquale Mari. Quest’allestimento, prodotto dalla compagnia Gli Ipocriti e dalla Fondazione Teatro della Pergola, è stato valutato molto positivamente dalla critica.

Dopo la “prima” di martedì 24, lo spettacolo viene replicato tutte le sere alle 20.45 sino a sabato. L’ultima recita, quella di domenica, è alle 16. Anche per quest’ultimo spettacolo è previsto il tradizionale incontro, a ingresso libero, con gli attori. Giovedì 26 (alle 17) al Nuovo Vittoria Puccini, Vinicio Marchioni e il resto della compagnia saranno intervistati dalla giornalista Betty Zanotelli.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri articoli

CS

«La maggioranza prenda le distanze dal consigliere leghista o sarà chiaro che chi governa la città condivide le sue opinioni».

Spettacoli

TEATRO NUOVO. L’edizione 2020-21 prevede nei mesi prossimi il recupero degli spettacoli non andati in scena per il lockdown. Riparte anche la Scuola di...

Territorio

Valorizzare il patrimonio delle mura difensive di Verona con iniziative sportive, ludiche, teatrali e musicali. L'Amministrazione sta decidendo nei dettagli la programmazione.

Spettacoli

Ad alternarsi diverse compagnie veronesi fino al 6 settembre, il tutto mettendo in sicurezza pubblico e attori per consentire lo svolgimento delle diverse rappresentazioni.

Advertisement