Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

Corso Milano: sicurezza e vivibilità di un quartiere

Un’assemblea pubblica per illustrare problematiche e soluzioni possibili per un problema pesante, nato da un progetto sbagliato

Ripetutamente protagonista in negativo della cronaca cittadina, il rifacimento di Corso Milano anziché dare sollievo alle questioni aperte di vivibilità della intera terza circoscrizione, che conta quasi 60 mila abitanti, pari a quelli di una media città italiana, ha aggravato l’aspetto della sicurezza per gli utenti di questa arteria, sia motorizzati, che pedoni; solo per i ciclisti il problema è stato parzialmente risolto, lasciando comunque aperte criticità molto ampie.

Queste le tesi sviluppate dall’architetto Luigi Lazzarelli e dall’urbanista Giulio Saturni che, all’appuntamento organizzato dal locale circolo del Partito democratico, hanno poi presentato le loro controproposte: creazione di percorsi alternativi, con una serie di sistemazioni viabilistiche su arterie minori, per un costo totale di circa dieci milioni di euro, da investire nel corso di cinque anni. E’ stato fatto rilevare che già quarant’anni fa c’era l’idea che si dovesse creare una serie di varianti alla concezione di un unico asse di penetrazione viabilistica da ovest verso la città. Ora è impellente la realizzazione di questa diversificazione.

Si è sottolineato anche che il Comune di Verona ha aperto 99 schede di interventi edificativi, senza peraltro disporre del Piano Urbano di Mobilità; sicuramente questo porterà più traffico ancora, senza avere chiaro quanto queste nuove abitazioni ed attività incideranno sulla viabilità e senza aver valutato la necessità di nuovi servizi.

Numerosa e interessata la partecipazione dei cittadini della zona che hanno avanzato proposte integrative e illustrato le loro aspettative. A questo proposito Saturni ha parlato di quanto realizzato dal Comune di Feltre che, anziché operare con decisioni amministrative calate dall’alto, ha preferito coinvolgere i cittadini in un forum dove un’equipe di professionisti ha presentato gli scenari possibili per rivedere l’assetto viabilistico del loro tessuto urbano; con modelli computerizzati si è così potuto operare scelte avvedute e condivise. Costo dell’operazione circa 20.000 euro.

L.D.

Advertisement. Scroll to continue reading.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCARICA GRATIS

L'Arsenale, grande opportunita per Verona

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Politica

Nel PD locale le correnti prevalgono sull’interesse del partito e le elezioni dei parlamentari sono più importanti dei circoli che dovrebbero chiedere una procedura...

Flash

Il progetto si inserisce nelle misure che l’Amministrazione comunale sta mettendo a punto a favore della mobilità sostenibile e della qualità dell’aria

Opinioni

A parte il centro entro le mura magistrali, solo Porto San Pancrazio è interamente zona 30. Estendere a tutti i quartieri si può, ma...

Flash

Nella sede dell'Ordine degli ingegneri tecnici, docenti e amministratori hanno illustrato la situazione a Verona dove le auto ferme occupano 300 campi di calcio

Advertisement