Connect with us

Hi, what are you looking for?

Magazine

Le mille e una tajine, l’oriente si affaccia in cucina

VEGETARIANI. Fagioli borlotti, funghi porcini, patate, pomodoro, porro, cipolla, aglio e peperoncino per lo stufato da cucinare nella tajine e lasciare che l’oriente si affacci nella nostra cucina.

Riusciremo a riportare un po’ di equilibrio e magari anche di incanto con i profumi d’oriente nelle nostre cucine? In cucina attraverso il cibo che prepariamo passa la vita, passa il prendersi cura, passa, concedetemi l’iperbole, il futuro, la nostra scommessa sul futuro. Ne ho scritto in settimana parlando del progetto Donne Veronesi We-Expo e episodi come quello della recente truffa sul falso biologico di un’azienda agricola locale sono deleteri soprattutto perché veicolano la non cultura dell’Italia dei furbetti, di quell’Italia che ha smarrito il senso civico, il senso di appartenenza, come purtroppo evidenzia anche l’ultimo rapporto del Censis.
Proviamo allora a far ritorno in cucina, e lo facciamo con uno stufato di verdure cucinato nella tajine, questa pentola di terracotta, che arriva dall’oriente, dai tempi lunghi, e che cucinando ci lascia il tempo per pensare, per parlare, per prenderci cura.

Se dovete attrezzarvi con l’acquisto della tajine, per inciso potrebbe essere un bellissimo regalo di Natale per la vostra cucina. Ce ne sono di bellissime, colorate che possono diventare anche oggetti di arredo. Io però, vi consiglio l’acquisto di una tajine semplice in terracotta non smaltata… insomma una di quelle che servono per cucinare davvero e che nel tempo trattengono gli aromi delle storie che saprete raccontare cucinando.

Cornicetta tajine VRIn
Cosa occorre per 4 persone: 2 pugni di fagioli borlotti freschi, 4 funghi porcini medi, 1 patata, 1 pomodoro, mezzo porro, mezza cipolla, 1 spicchio d’aglio, sale e peperoncino qb.

Come si fa: preparare le verdure pulite e tagliate. Nella tajine preparate un soffritto con la cipolla e l’aglio nel quale dovete rosolare la patata a cubetti. Aggiungere i fagioli e 1 bicchiere d’acqua che farà abbassare la cottura. Quando la cottura torna ad essere vivace aggiungete il resto delle verdure, aggiustate di sale e peperoncino, coprite con il coperchio. Lasciar cuocere per un’ora, un’ora e mezzo, aggiungendo acqua se necessario.
Buon appetito.

Cosa bere: lasciamoci inebriare da un Valpolicella classico superiore.

Che musica ascoltare: I Don’t Believe In You, oggi suona così… saranno le disillusioni del biologico, quelle del Censis… fate voi. Loro sempre i Talk talk, che mi piacciono tanto anche per il ritmo che sanno dare alla malinconia. Enjoy!

Cinzia Inguanta

Any way you say it
The charade goes on
But your eyes won’t see it
It’s the same old song

Written By

Nasce a Firenze il 4 giugno 1961, sposata con Giuliano, due figli: Giuseppe e Mariagiulia. Alcuni grandi amori: la lettura, il cinema, il disegno, la fotografia, la cucina, i cinici, le menti complicate e le cause perse. Dopo la maturità scientifica, s’iscrive al corso di laurea in medicina e chirurgia per poi diplomarsi in design all’Accademia di Belle Arti Cignaroli. Nel 2009 s’iscrive alla Facoltà di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca. Giornalista pubblicista dirige Radio Popolare Verona, già direttrice del magazine online Verona-IN con il quale continua a collaborare coordinando la redazione spettacoli e scrivendo di libri. Nel 2006 ha curato la pubblicazione di La Chiesa di Verona in Sinodo e di Il IV Convegno Ecclesiale Nazionale, nel 2007 di Nel segno della continuità. Nel 2011 l’esordio letterario con la pubblicazione del suo primo romanzo Bianca per la casa editrice Bonaccorso. Alcune sue poesie sono pubblicate nel 2° volume della Raccolta di Poesie del Simposio permanente dei poeti veronesi (dicembre 2011), altre sono pubblicate nella sezione Opere Inedite sul blog dedicato alla poesia di Rainews. cinzia.inguanta@email.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

Interviste

«Sono felice del mio lavoro, abbiamo messo delle belle fondamenta per il futuro di Verona. Ho sempre creduto nel dialogo e nella relazione, caratteristiche...

Foto

Insieme sulla linea di partenza i due giovanissimi si sfidano. Vincerà lei ma in realtà il viso del ragazzo ci dice che hanno vinto...

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Interviste

INTERVISTA – Jessica Cugini sta lavorando al programma della coalizione di Centrosinistra per le Amministrative 2022: «Priorità per la città è espandere la cultura...

Advertisement