Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

Progetto Quid rivoluziona l’alta moda e incontra il sociale

Anna Fiscale

Ecco come Progetto Quid sta cambiando la moda, unendo la qualità all’attenzione per il sociale. Intervista con Anna Fiscale, presidente e cofondatrice 

C’è anche una moda etica, quella di Progetto Quid, che nasce due anni fa a Verona come cooperativa sociale per recuperare tessuti di rimanenza delle aziende e trasformarli in capi di abbigliamento sia maschile che femminile, dando lavoro a donne in difficoltà.

«Il Gruppo Calzedonia ha messo a disposizione le risorse economiche e i tessuti per partire in un piccolo magazzino all’interno della cooperativa Santa Maddalena, in Via Cigno 22; i Servizi Sociali hanno fornito nomi e credenziali per iniziare» spiega Anna Fiscale, presidente e cofondatrice dell’iniziativa.

Per il momento sono due i punti vendita: uno a Verona, in via Pellicciai 5a; l’altro a Vicenza, in Corso Palladio 66. Il laboratorio invece è in via Madonna del Terraglio 18, a Verona, dove abbiamo incontrato la Fiscale. Al secondo piano dell’Istituto di Moda e Design “Le Grand Chic” si trova la sala con le macchine da cucire e grandi tavoli con i materiali da lavorare. Il vero deposito è però nel sottoscala, dove sono accatastati i rotoli di tessuti di varia forma e colore.

«Progetto Quid è un’idea che offre capi di alta moda, con gli stessi prezzi di catene come Zara e H&M ma con dietro un’altra storia e soprattutto con la garanzia della qualità sartoriale – spiega Fiscale –. Quello che facciamo è recuperare il tessuto difettato che andrebbe al macero, poi i nostri creativi pensano gli abiti che vengono realizzati rigorosamente a mano».

«Per il momento l’iniziativa è riservata alle donne che sono affiancate da figure professionali – spiega la fondatrice del progetto –. Unire la passione per la moda al sociale è stata una svolta e siamo stati premiati dalla Commissione Europea, arrivando primi tra 1200 progetti del concorso sull’innovazione sociale European Social Innovation Competition».

Il progetto sta crescendo e conta quindici dipendenti, che hanno preso parte a importanti iniziative: dal laboratorio sartoriale nel carcere di Montorio alla creazione di magliette per la Last 10km Marathon che si è tenuta il 6 ottobre a Verona. In ballo c’è anche una collaborazione con la Facoltà di Scienze Motorie dell’Università di Verona.

Advertisement. Scroll to continue reading.

 Sofia Biasin

1 Comment

1 Comment

  1. MARINA CRISTANI

    10/11/2014 at 10:47

    Queste sono le vere buone notizie 🙂 auguri di crescere sempre più, e di diffondere idee.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banner-Studio-editoriale-Giorgio-Montolli

MEMORY BOOKS

Scarica gratis

COSA SONO I MEMORY BOOKS?
Approfondimenti su tematiche veronesi.
A COSA SERVONO?
Offrono una visione diversa di città.
QUANTO TEMPO PER LEGGERLI?
15 minuti.
PERCHÉ SCARICARLI?
Sono rari.
QUANTO COSTANO?
Nulla.

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Editoriale

Alcuni spunti su come riorganizzare un partito che sta perdendo il contatto con gli elettori. Il feeling con i quartieri si ritrova con la...

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Ambiente

Tutti i decisori politici – Governo, Regione, Comuni – anziché difendere il patrimonio agricolo e il suolo concordano nel considerare il possibile insediamento a...

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Advertisement