Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

Crisi ortofrutta per embargo russo: agricoltori in Piazza Dante

Numerosi imprenditori agricoli si incontreranno mercoledì 17 settembre alle 15 in Piazza Dante per manifestare contro la crisi dell’ortofrutta veronese, che ha toccato il culmine con l’embargo russo ai prodotti agroalimentari e il blocco degli aiuti europei previsti per le imprese che esportano in Russia. L’iniziativa avviene nell’ambito della mobilitazione Meglio italiano, scelgo veneto promossa dalla federazione regionale, che prevede tra l’altro l’invito al consumo di ortofrutta locale.

Nell’occasione, gli agricoltori di Coldiretti distribuiranno mele tradizionali provenienti dai frutteti veronesi, invitando passanti e consumatori all’acquisto del prodotto locale per contribuire a sostenere l’economia ortofrutticola del territorio.

Alle 16 una delegazione di produttori, accompagnati da Claudio Valente e Giuseppe Ruffini, rispettivamente presidente e direttore di Coldiretti Verona e dai sindaci dei territori ortofrutticoli veronesi si recheranno dal Prefetto Perla Stancari per sollevare la questione e far intervenire le autorità competenti a livello locale, regionale e nazionale e consegnare il manifesto della mobilitazione Meglio italiano, scelgo veneto. Per l’agricoltura contro l’embargo.

«E’ stato un anno molto difficile per l’ortofrutta veronese – commenta Claudio Valente – a partire dalla fragole in primavera, poi le pesche e nettarine quest’estate e ora le mele e le pere. Finora sono state tutte produzioni sottocosto che non ripagano le spese. Una crisi strutturale di mercato devastante, che sta portando alla chiusura del comparto, con gravi perdite in termini occupazionali e di imprese impiegate, non solo agricole. Abbiamo imprese frutticole all’avanguardia, altamente specializzate, che hanno fatto investimenti nelle campagne, come ad esempio per la coltivazione di Granny Smith per i paesi dell’est, e che si ritrovano con ricavi veramente bassi che non ripagano la qualità e gli alti costi di produzione. L’anno scorso un produttore vendeva 1 kilo di Granny Smith a 40 centesimi il kg, oggi, con l’embargo russo, le ha tutte nei campi invendute».

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banner-Studio-editoriale-Giorgio-Montolli

MEMORY BOOKS

Scarica gratis

COSA SONO I MEMORY BOOKS?
Approfondimenti su tematiche veronesi.
A COSA SERVONO?
Offrono una visione diversa di città.
QUANTO TEMPO PER LEGGERLI?
15 minuti.
PERCHÉ SCARICARLI?
Sono rari.
QUANTO COSTANO?
Nulla.

Advertisement
Advertisement

Advertisement

Altri articoli

Cultura

Il ministro Gennaro Sangiuliano ha dichiarato il Sommo poeta «fondatore del pensiero di destra italiano». Ma l'antifascista Giovanni Dean (Trieste, 1904 – Verona, 1995)...

Cultura

Ristampato il volume-capolavoro dello storico dell'arte Gian Lorenzo Mellini che inventò Rigino di Enrico, artista della Verona che con Cangrande si sognò capitale. Il...

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Ambiente

Tutti i decisori politici – Governo, Regione, Comuni – anziché difendere il patrimonio agricolo e il suolo concordano nel considerare il possibile insediamento a...

Advertisement