Connect with us

Hi, what are you looking for?

Nessuna categoria

Un’idea per salvare le piccole attività commerciali di montagna

Bar-tabaccheria

I piccoli negozi di montagna potrebbero integrare attività come il servizio postale in quei luoghi che Poste Italiane ha intenzione di abbandonare o garantire quei servizi che le pubbliche finanze non riescono più a reggere ma che sono essenziali per la popolazione.

Estate 2014, si fa per dire dal punto di vista metereologico, ed un’altra stella del firmamento commerciale delle nostre montagne si è spenta. Un altro negozio/bazar della Lessinia ha abbassato definitivamente la serranda. Un’ attività, dove il binomio, indissolubile, tra impresa e famiglia ha fatto si che dal dopoguerra ai giorni nostri queste realtà dessero un servizio alla popolazione ed al turista che saliva sulle nostre montagne per “andare ai freschi”.

Molti anni fa una nota catena di supermercati si pubblicizzava con cartelli posti sul ciglio delle strade con la scritta: “Commercio, funzione sociale”. Ed è proprio questo che svolgevano i piccoli negozietti di montagna dove trovavi di tutto, dove si respirava l’aria di casa, dove la socializzazione, prima dell’acquisto, la faceva da padrone. Romanticismo? Lasciamo al lettore il giudizio.

Un tentativo di salvare queste piccole attività lo tentò un decreto legislativo del 1998 che introdusse il cosiddetto “esercizio polifunzionale”, formula recepita anche dalla Regione veneto nella sua legislazione commerciale. Ma questa non fu sufficiente perché l’emorragia di queste realtà per una serie di motivazioni, non ultimo il rispetto di regole fiscali impossibili da applicare a queste micro imprese commerciali, continuò. Ora questi negozi si possono contare sulle dita di una mano.

Auspichiamo che la recentissima legge approvata dal Consiglio regionale sull’autogoverno dei Comuni montani possa far invertire la rotta, fornendo ai giovani la possibilità di intraprendere una attività con l’obiettivo di ricostituire il tessuto commerciale e tenere la popolazione su questi territori.

Ma perché la cosa funzioni, a nostro avviso, sarà necessario rivedere il modello di esercizio polifunzioniale. Dovrà essere si un negozio, ma anche un centro di servizio della “Pubblica amministrazione”. Potrà, per esempio, sostituirsi alle funzioni degli uffici postali che le Poste italiane intende sopprimere. Potrà, in pratica, svolgere una serie di servizi che le pubbliche finanze non riescono più a reggere, a tenere in piedi, ma che sono essenziali per la popolazione.

Opportunità in più che potrebbero stimolare la voglia di fare impresa, sociale, sul Baldo e sulla Lessinia. Ci rendiamo conto che il percorso è irto di ostacoli stante la necessità di mettere assieme più soggetti pubblici, ma è una idea, una proposta sulla quale le Amministrazioni locali avrebbero grandi spazi per aprire una riflessione.

Giorgio Sartori
Direttore generale Confcommercio As.Co. Verona

1 Comment

1 Comment

  1. ALDO

    26/08/2014 at 07:29

    Esistono esempi concreti dove sia stata attuata con successo questa proposta? E’ sicuramente interessante ma (mi pare) difficile da realizzare prima di tutto per i problemi di costi per la pubblica amministrazione in questi tempi di vacche magre per le finanze pubbliche. Altre difficoltà probabili riguardano il coordinamento tra i vari “attori”: negozi, uffici pubbiici ecc. A Colognola? La proposta dovrebbe essere fatta in modo chiaro ai negozianti. Ciao. Aldo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Cultura

Tra giugno e ottobre 2021 Verona celebra il Sommo Poeta con una mostra diffusa in collaborazione con Ravenna e Firenze.

Meteo

Le temperature massime non supereranno ad inizio settimana i 28/29 gradi mentre le minime si attesteranno attorno ai 19/20 gradi

Territorio

Liberati i primati utilizzati per la sperimentazione animale: verranno trasferiti in un centro di recupero per animali esotici.

Advertisement