Connect with us

Hi, what are you looking for?

Stefano Valdegamberi, consigliere regionale UDC
Stefano Valdegamberi, consigliere regionale UDC

Nessuna categoria

Valdegamberi: «Gli amministratori paghino i danni per Ca’ del Bue»

Stefano Valdegamberi

Stefano Valdegamberi

«Se, come è più che possibile, il nuovo termovalorizzatore di Ca’ del Bue non verrà più fatto i milioni di euro di perdite che avrà Agsm dovranno essere pagati personalmente dagli amministratori dell’azienda e del Comune». Lo dichiara in una nota Stefano Valdegamberi, Consigliere regionale e presidente di Futuro Popolare che ricorda che già tre anni fa, nella veste di Consigliere comunale a Verona, aveva anticipato i problemi che ora vengono ammessi dal sindaco Flavio Tosi e dai vertici di Agsm.

«Allora avevo fatto interventi puntuali sia verbali, sia scritti, nei quali chiedevo di sospendere la gara d’appalto per il termovalorizzatore, spiegando che mancavano i presupposti per il funzionamento dell’impianto, che sarebbe stato non sostenibile economicamente e che non avrebbe avuto sufficienti quantità di rifiuti da bruciare per poter essere efficiente. Allora – sottolinea Valdegamberi – nessuno mi ha ascoltato. Anzi, sono andati avanti con l’appalto senza nemmeno avere la certezza dei Cip6, che sono l’unico modo per tenere in piedi, seppur con il nastro adesivo, un’operazione che altrimenti non è realizzabile. E’ evidente, insomma, – conclude Valdegamberi – che ci sono delle gravi responsabilità in tutto questo. Delle responsabilità che questi signori non possono, come al solito, scaricare sui cittadini, facendo pagare loro bollette più salate. E’ inutile che cerchino alibi. Se il termovalorizzatore non verrà fatto, dovranno rispondere personalmente dei danni conseguenti». (ARV)

2 Comments

2 Comments

  1. Avatar

    Umberto+Fraccaroli

    20/09/2020 at 14:01

    Finalmente una “eroica” decisione.
    Far pagare i danni a chi da anni con leggerezza incredibile gestisce ovvero governa enti di importanza enorme con dispendio di miliardi pubblici (appoggiati e sostenuti dietro le file dai soliti professionisti…avvocati..
    .commercialisti…ecc.con parcelle milionarie) e poi che tutti se ne lavano le mani tanto pantalon paga…BASTA

  2. Avatar

    paolo

    20/01/2014 at 22:04

    Sarebbe il caso di essere più cauti, non è stato deciso ancora nulla ed è possibile qualche colpo di coda. Quindi a mio avviso calma e rimandiamo i festeggiamenti.
    Inoltre bisogna adesso e con forza rilanciare il progetto di completamento della raccolta differenziata in città e sviluppare il riciclo. Non avrebbe senso fermare Ca del bue e portare a bruciare da un’altra parte i nostri rifiuti. Paolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Opinioni

Gabanizza, Genovese (Sinistra Italiana): «La raccolta differenziata a Verona non decolla perché per i rifiuti si pensa ancora a Ca' del Bue».

Opinioni

Agsm sta pensando di utilizzare l'impianto per essiccare l'umido, ma a guadagnarci saranno i privati che produrranno biogas, metano e compost.

CS

Il progetto per la realizzazione di un nuovo impianto di incenerimento era stato bocciato dalla Regione Veneto nel 2015.

Territorio

ll Comune presenta il Piano Urbano della Mobilità sostenibile e dice no all’aumento di suolo edificabile. L’opposizione considera le proposte come migliorabili e il...

Advertisement