Connect with us

Hi, what are you looking for?

Archivio

Nuova area pedonale in ZTL nei fine settimana: è polemica

A partire da domani, sabato 24 novembre, ogni sabato e domenica, e nelle festività infrasettimanali, nelle fasce orarie dalle 10 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 19.30, la zona pedonale in centro storico verrà estesa ad una ventina di strade all’interno della ZTL, comprese fra piazza Erbe, via Pellicciai, via Quattro Spade, via Scala, via Catullo, via Noris, via Dietro Anfiteatro. Si tratta di un provvedimento, adottato per il momento in via sperimentale, che mira a valorizzare ulteriormente il centro storico nel fine settimana, per consentire a turisti e cittadini di passeggiare in tranquillità e sicurezza nelle strade della città antica, che nei giorni di festa sono maggiormente interessate da intensi flussi pedonali.

Secondo Michele Bertucco (capogruppo PD in Consiglio comunale) con il provvedimento sulle pedonalizzazioni «l’assessore al Traffico Enrico Corsi ha messo il carro davanti ai buoi. La novità è che il Piano Generale del Traffico Urbano (Pgtu) sta arrivando alle Circoscrizioni per il parere di rito, ma l’assessore non ha resistito a pasticciare di nuovo le cose facendo anticipare la discussione del piano (che la città attende da sei anni) da un provvedimento di pedonalizzazione parziale e temporaneo senza capo né coda, che creerà soltanto problemi e disagi ai residenti e ai commercianti».

Il Partito Democratico oggi ha convocato la Commissione viabilità e mobilità per analizzare nel dettaglio la proposta di Pgtu dell’amministrazione, e deliberare soltanto dopo questa discussione i provvedimenti da prendere. Il Pd ha fatto esplicita richiesta affinché alla Commissione siano invitati anche i comitati dei residenti e le associazioni di categoria.

«L’inversione applicata da Corsi mostra ancora una volta una amministrazione autoreferenziale e incapace di ascoltare i cittadini» aggiunge Bertucco. «Non basta che le maggioranze supine delle Circoscrizioni approvino tutti i provvedimenti spot dell’amministrazione, i cittadini hanno diritto di ottenere risposte sui problemi che riguardano il territorio, come l’estensione della Ztl e la rivisitazione delle sue finestre, la riduzione del traffico motorizzato privato, l’aumento dei percorsi ciclopedonali, il potenziamento del trasporto pubblico».

Nelle due fasce orarie in cui sarà in vigore la nuova pedonalizzazione, il transito nelle vie interessate dal provvedimento sarà consentito solamente a: biciclette, residenti e domiciliati, veicoli di pronto intervento e soccorso, clienti degli alberghi, taxi, mezzi dell’Amia, veicoli del city logistic e fornitori autorizzati. I residenti nelle altre vie della ZTL e i veicoli autorizzati al transito in ZTL non potranno circolare nella nuova area pedonale nelle fasce orarie interessate dal provvedimento. Dovranno fare attenzione anche coloro che entrano in ZTL nelle due “finestre” di accesso libero del sabato mattina e domenica mattina, che fra le 10 e le 13.30 non potranno transitare nelle strade pedonalizzate.

Questo l’elenco completo delle vie comprese nella nuova area pedonale: 1. via Dietro Anfiteatro (da via Anfiteatro a via Mazzini) 2. vicolo Tre Marchetti 3. via Anfiteatro (da via E. Noris a via Dietro Anfiteatro) 4. via San Nicolò (da vicolo Tre Marchetti a via Anfiteatro) 5. via E. Noris 6. via Catullo 7. corte Farina 8. via Adua 9. vicolo Ostie 10. vicoletto Scala 11. piazzetta Scala 12. vicolo Scala 13. via Scala 14. via Quattro Spade 15. via Sant’Eufemia 16. vicolo Scudo di Francia 17. via Quintino Sella 18. via Mondo d’Oro 19. via San Rocchetto (da via Pellicciai al civico n. 4) 20. via Rosani 21. via Portici 22. via Camera di Commercio 23. via Pellicciai 24. vicolo Corte Spagnola 25. piazza delle Erbe (lato civici dispari) 26. vicolo Samaritana (da via Mazzini al civico n. 12/b) 27. vicolo San Tomaso Apostolo 28. vicolo Regina d’Ungheria 29. via Cappello (da piazza delle Erbe a vicolo Regina d’Ungheria)

5 Comments

5 Comments

  1. Redazione

    28/11/2012 at 08:34

    Ricordo che l’associazione Voltapagina sta organizzando per il prossimo mese un incontro con Virginio Bettini http://www.iuav.it/) che parlerà della città ecologica. Il tema è da definire ma gli argomenti saranno sulle infrastrutture, la mobilità, i piani urbanistici ecc. ecc Giorgio Montolli

  2. Bepo Merlin

    27/11/2012 at 21:33

    Oddio! Aree pedonalizzate mi sembra eccessivo. Mi apre che si faccia prima a dire chi non è autorizzato a passare. L’elenco degli autorizzati rende caldamente sconsigliato il passeggio ai pedoni e consiglia prudenza anche ai ciclisti.

  3. Gianni

    27/11/2012 at 18:52

    Le due posizioni di Donatella e di Michele Bertucco mi sembrano entrambe condivisibili e non contrastanti, ma quello che si evince dall’articolo è che se non si fa un certo percorso non va bene nente. Colpa del giornalista? Forse, ma sarei più cauto nell’attaccare un provvedimento che potrebbe anche portare buoni frutti. Dopo tutto l’attuale zona pedonale, ampliatasi un pezzetto per volta, è frutto di interventi simili. Magari avessimo avuto, fin da allora, un piano generale della viabilità, forse ora Verona sarebbe più vivibile.

  4. Michele Bertucco

    27/11/2012 at 11:56

    Non siamo contrari alla pedonalizzazione, anzi! Solo che che vorremmo vedere un po’ di costrutto in quello che l’amministrazione sta facendo. Ora Corsi porta nelle Circoscrizioni il Piano generale del traffico urbano, che è obbligatorio per legge, confidando di farselo approvare alla chetichella dalla sua maggioranza. Ma chi l’ha mai visto questo piano? Con chi è stato discusso o condiviso? E che ne sarà delle altre pianificazioni, come il Pum o il Piano delle Ciclabili, magari non obbligatorie per legge ma comunque indispensabili al fine di riordinare viabilità e mobilità in questa città?Io credo che queste questioni le dobbiamo porre tutte insieme altrimenti saremo sempre in balia di “sperimentazioni” e trovate estemporanee, non sempre disinteressate. Michele

  5. donatella

    25/11/2012 at 18:47

    mi piacerebbero comunicazioni che – prima della polemica – approvino più chiaramente ogni passo verso un ulteriore pedonalizzazione del centro per poi dire che questo provvedimento è insufficiente, sia per ampiezza della zona che per la durata solo limitata al week end, e che una vera pedonalizzazione va accompagnata da altre misure. Ma dire che questa pedonalizzazione non va bene può essere interpretato in troppi modi, anche a favore di chi, come alcuni commercianti, vuole il centro aperto alle auto..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli

Satira

A colpi di matita attraverso il filtro dell’ironia per sorridere anche quando verrebbe da piangere, perché il sorriso aiuta a tenerci vigili

Opinioni

Cinque idee da sviluppare in campagna elettorale per uscire dalla palude e puntare sulle potenzialità di Verona

Ambiente

Continua il botta e risposta dopo la pubblicazione di Mal'Aria 2021 da parte di Legambiente; Traguardi: «Revisionare Paesc e Pums»

Ambiente

Il primato è condiviso con Venezia, secondo il dossier straordinario di Legambiente. Bertucco (Sinistra in Comune): «Non è una sorpresa»

Advertisement