Connect with us

Hi, what are you looking for?

Inchieste

Gli sprechi della politica: partecipate e doppi incarichi

INCHIESTA. Dal Bacanal del Gnoco all’Aeroporto Catullo, dalla Pro Loco al Consorzio Zai, passando per le aziende partecipate a totale controllo municipale come Agsm, Amia, Amt: il Sindaco di Verona (chiunque esso sia) ha potere di nomina in ben 46 enti, per un totale 195 tra careghe e careghete da distribuire. Occorre subito precisare che non tutti i rappresentanti del Comune sono stipendiati, così come non tutti gli enti comunali sono da considerarsi inutili, ma queste poche cifre bastano a rendere l’idea del potere che si concentra nelle mani del primo cittadino, l’esercizio del quale riesce a consolidare e rafforzare legami di fedeltà politica.

Non è un caso, per esempio, che all’interno del Pdl, socio di maggioranza di questa Amministrazione comunale, stiano arrivando ai ferri corti e che il gruppo di Forza Italia in Consiglio comunale sia in perenne frizione con i vertici del partito. In privato alcuni presidenti di enti del centrodestra confidano che devono la loro nomina più alla persona del primo cittadino, piuttosto che alla capacità di influenza dei loro dirigenti di partito. E non paiono infondate le voci che profetizzano una scissione nel Pdl in vista delle elezioni amministrative della prossima primavera con la formazione di un ampio gruppo di pidiellini che andrebbe nella lista del sindaco, alle porta della quale (e questo non è un mistero) c’è la fila.

Un potere che è in continua crescita, considerando che da qualche anno a questa parte è tornata in voga la pratica di arruolare personale secondo logiche politiche non solo nei Consigli di amministrazione, ma anche nei ruoli apicali delle aziende partecipate. Estrema conseguenza dello spoil-system inaugurato e rivendicato da Tosi nel 2007 all’inizio di quest’ultima Amministrazione, che si prolunga per catene sempre più lunghe mano a mano che si allunga e si consolida la tenuta della cordata politica. Non è detto però che cerchie sempre più larghe di fedelissimi coincidano sempre con maggiore efficienza amministrativa.

Per favore Accedi per vedere questo contenuto. (Non sei registrato? Registrati!)
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firma la petizione

Meno agitazione più informazione. Abbonati a Verona In

Campagna abbonamenti Verona In

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Facebook

Altri articoli

Opinioni

La sostenibilità potrà essere la chiave di volta della transizione ecologica a patto che diventi l’elemento base di una informazione corretta

Lettere

È in via Scuderlando, angolo via De Sandre, a ridosso dell’area che il Comune ha promesso di destinare all’allargamento del Parco Santa Teresa

Opinioni

Tanti progetti falliti che hanno allargato il divario tra potenzialità e realtà mentre i nuovi equilibri finanziari (soldi) ormai sono altrove

Inchieste

INCHIESTA – Non c'è un sistema condiviso per intercettare i giovani laureati e inserirli in aziende che puntano sull'innovazione. Pubblico e privato ognuno va...

Advertisement