Il giornale

Verona In
Editore: Studio Editoriale Giorgio Montolli
Registrazione al Tribunale di Verona N° 1557 del 29 settembre 2003
redazione@verona-in.it

VERONA IN
Verona In è un giornale di attualità, cultura e opinioni che ha sede e diffusione nella provincia di Verona (Italia).

STORIA DEL GIORNALE
Verona In viene registrato al Tribunale di Verona il 29 settembre 2003 come trimestrale cartaceo, mentre il numero “0” è dell’ottobre dello stesso anno. Editore e primo direttore è Giorgio Montolli. Nell’aprile 2009, primo anniversario della morte di Nicola Tommasoli, esce il numero 21 del giornale, uno speciale di 40 pagine sulla violenza a Verona che raccoglie gli articoli di 20 giornalisti di varie testate cittadine, segnando il passaggio alla stagione delle inchieste. Nel 2010 muove i primi passi Veronainblog, con lo stesso editore ma diretto da Gianni Falcone. Con il numero 33 (dicembre 2012) Verona In sospende la stampa, si fonde con Veronainblog e raccoglie la sfida del giornalismo online.

PROGETTO EDITORIALE
Verona In dedica particolare attenzione ai temi della politica, del sociale, della cultura, del lavoro, dell’economia e dell’ambiente. Il giornale ha un Progetto editoriale articolato in due punti: 1. Consentire il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero, secondo quanto sancito dall’Articolo 21 della Costituzione italiana. 2. Raccontare i fatti in modo obiettivo e responsabile utilizzando strumenti come  le interviste, le inchieste, i dossier mantenendo il giornale libero da condizionamenti. Per realizzare il punto 2, Verona In affianca al lavoro dei volontari opinionisti le competenze dei collaboratori giornalisti. L’investimento nelle competenze è essenziale per accrescere la qualità del giornale, ma ha un costo, che si aggiunge a quelli per la gestione e manutenzione del sito, delle strutture tecniche e dei locali utilizzati. La ricerca di fonti di reddito serve per aumentare la qualità del prodotto in una prospettiva di crescita. Tra le  possibili forme di finanziamento ci sono la raccolta pubblicitaria, gli abbonamenti, le donazioni e la fornitura di servizi editoriali, come l’impaginazione di libri e giornali. Una parte del compenso derivante da queste attività sostiene Verona In.