BannerAmazonVeronain615x60

Verona, o meglio la Casa circondariale di Montorio, è protagonista del secondo appuntamento del Festival di Cinema Africano Tutto l’Anno. La sezione dedicata al tema migratorio, l’ormai storica sezione VIAGGIATORI&MIGRANTI, entra nel carcere scaligero con un documentario in cui vengono  raccolte le testimonianze di un gruppo di detenuti nordafricani.

Behind foreign bars, il lavoro del regista marocchino Azlarabe Alaoui e dell’aiuto-regista e critica cinematografica Annamaria Gallone (entrambi presenti alla proiezione) dà voce alle storie e ai sentimenti di chi vive in una situazione di reclusione all’interno della Casa circondariale di Montorio, progettata negli anni Settanta come carcere di massima sicurezza, per la detenzione delle persone coinvolte in atti di terrorismo ma, a causa del protrarsi dei lavori, mai utilizzata per i fini previsti.

In questo contesto si svolge Behind foreign bars, il documentario di Alaoui che nasce dall’incontro del regista con la realtà carceraria di Verona durante il Festival di Cinema Africano del 2013. Tale esperienza ha toccato in modo particolare Alaoui  che, nel maggio 2014, ha deciso di raccontare dalla viva voce dei protagonisti uno spaccato di umanità sofferente, che unisce il rimpianto di aver perso la libertà al disagio profondo di trovarsi in un paese lontano dalla propria cultura d’origine.

L’evento, in programma venerdì 9 febbraio, alle 20:30, presso la Sala Africa dei missionari comboniani in vicolo Pozzo, 1, a Verona, fa parte della 37esima edizione del Festival di Cinema Africano Tutto l’Anno che prevede la proiezione, da gennaio a maggio, ogni secondo venerdì del mese, di un film della sezione VIAGGIATORI&MIGRANTI, scelto dalla Direzione artistica del FCA.

Saranno ospiti della serata: il regista, produttore e documentarista marocchino Azlarabe Alaoui, che attualmente, insegna all’Università di Comunicazione visiva e cinematografica in Marocco; e l’aiuto-regista e critica cinematografica Annamaria Gallone, amica del Festival di Cinema Africano di Verona, che da anni cura la direzione artistica del Festival di Cinema Africano, d’Asia e America Latina di Milano.

Il costo del biglietto per assistere alle proiezioni è di 5 euro.

Prossimi appuntamenti:
 9 marzo: Noi, i neri
13 aprile: Patience, patience, t’iras au paradis!
11 maggio: Ghetto psa e Aji-bi les femmes de l’orloge

 

commenti (0)

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

ABBONATI A VERONA IN