BannerAmazonVeronain615x60

Consiglio comunale: approvati alienazione quota di comproprietà dell’immobile presente nel comune di Ceriale e atto di indirizzo di individuazione obiettivi strategici relativo al Piano Triennale di prevenzione della corruzione 2018/2020.

Approvata dal Consiglio comunale di giovedì 7 dicembre 2017, con 25 voti favorevoli, 2 contrari ed 1 astenuto, l’alienazione della quota di comproprietà di competenza del Comune dell’immobile presente nel Comune di Ceriale (Savona), sul lungomare, in passato adibito a colonia climatica, il cui assetto proprietario risulta ripartito per il 50 per cento in capo alla Provincia di Verona e per l’altro 50 per cento tra tutti i novantotto Comuni del veronese in altrettante quote proporzionali e distinte, delle quali quella del Comune di Verona è pari al 17,26 per cento. Il compendio immobiliare è costituito da un fabbricato principale – ex colonia vera e propria-, da un attiguo edificio di servizio di più modeste dimensioni – ex alloggio di custodia -, nonché da un’ampia area cortilizia di pertinenza.
«Il compendio – ha ricordato l’assessore la Patrimonio Edi Maria Neri – non viene utilizzato già da molti anni dalla maggior parte degli enti comproprietari e risulta attualmente versare in stato di abbandono e degrado. L’immobile, inoltre, implica per il Comune costi annui sul fronte tributi e spese varie, che rendono ancor meno conveniente il mantenimento della proprietà sua sopravvivenza».

Approvato all’unanimità, con 25 voti favorevoli, relativamente al Piano Triennale di prevenzione della corruzione 2018/2020, l’atto di indirizzo di individuazione degli obiettivi strategici in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza.
Il Piano Triennale dovrà avere come contenuti necessari i seguenti obiettivi strategici: essere redatto con la piena collaborazione di tutti i dirigenti, previo coinvolgimento attivo dei dipendenti della propria struttura organizzativa, nonché del Gruppo Permanente di Lavoro per la Prevenzione della Corruzione e Trasparenza; privilegiare misure tese all’informatizzazione e alla standardizzazione delle procedure, in modo da favorire lo snellimento e la semplificazione dell’azione amministrativa; prevedere misure di prevenzione che favoriscano un’attività amministrativa caratterizzata dalla massima trasparenza, anche con la pubblicazione di dati ulteriori e non obbligatori, contribuendo così a migliorare la conoscenza delle azioni dell’ente, rendendole più comprensibili alla generalità dei cittadini e dei fruitori dei servizi locali.L

 

commenti (0)

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>