BannerAmazonVeronain615x60

Rengo

Approvate delibere per riconoscimento debito fuori bilancio e variazioni all’esercizio finanziario e al programma triennale dei lavori pubblici 2017 – 2019.

Approvata dal Consiglio comunale di giovedì 5 ottobre 2017, con 22 voti favorevoli e 8 contrari, la delibera per il riconoscimento della legittimità di debito fuori bilancio, pari a circa 182.742 euro, derivante dall’esecutività della sentenza del Tribunale di Verona n. 144/2017 in esito al giudizio R.G. n. 2166/2013 da 88 dipendenti comunali.
«Nel 2013 – spiega l’assessore al Personale Stefano Bertacco – 88 dipendenti del Comune di Verona, destinatari del trattamento economico, hanno convenuto in giudizio il Comune di Verona per ottenere l’accertamento dell’illegittimità della trattenuta operata sulle retribuzioni dei lavoratori a titolo di IRAP. Il Comune di Verona si è costituito illustrando le ragioni a sostegno dell’infondatezza della domanda dei ricorrenti alla luce delle interpretazioni fornite dall’Agenzia Entrate e dalle diverse sezioni della Corte dei Conti. Il Tribunale di Verona non ha accolto le difese dell’Amministrazione Comunale e con sentenza Sezione Lavoro n. 144 in data 20 marzo 2017 ha accertato e dichiarato l’illegittimità della trattenuta IRAP applicata alle somme corrisposte quale trattamento economico accessorio a tutti i ricorrenti sino al 31 luglio 2008».

Con 23 voti favorevoli e 6 astenuti, sono state approvate variazioni al bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2017 – 2019 e aggiornamenti del programma Triennale dei Lavori Pubblici per gli esercizi 2017/2019 e dell’elenco annuale dei Lavori Pubblici per l’anno 2017 del Comune di Verona.
Il testo apporta variazioni collegate a: maggiori entrate da parte di Esselunga S.p.A. quale misura di compensazione per la realizzazione della struttura commerciale in viale del Lavoro 15 al fine di svolgere attività inerenti l’inquinamento e la qualità dell’aria per un importo di 15 mila euro; maggiori entrate da parte di Esselunga S.p.A. per contribuire alla spesa sostenuta dal Comune per la presenza aggiuntiva di agenti della Polizia locale nei giorni di maggior afflusso di traffico per euro 7 mila euro, per gli anni 2017, 2018 e 2019; maggiori entrate per erogazione di contributi da parte della Regione Veneto per il funzionamento dei musei un importo complessivo di 4.157 euro; maggiori entrate e maggiori spese derivanti dall’applicazione del meccanismo dell’Iva split payment a seguito dell’entrata in vigore del DL 50/2017 per 500.000 euro; maggiori entrate derivanti da recupero evasione Tia – Tares e Tari anno 2016 per un importo di 640.000 euro per la copertura delle seguenti maggiori spese: – euro 420.460 per gestione iva dell’U.O. Bilancio Programmazione Contabilità; – euro 182.540 per incremento del fondo crediti dubbia esigibilità dell’U.O. Bilancio Programmazione Contabilità; – euro 37.000 per la penale relativa alla procedura di estinzione anticipata dei mutui con la Cassa Depositi e Prestiti dell’U.O. Bilancio Programmazione Contabilità; maggiori entrate da Fondazione Arena a titolo di rimborso delle spese di fornitura di energia elettrica della nuova cabina di trasformazione mt/bt per gli spettacoli di extra lirica per euro 60.000; maggiori entrate da parte della Regione Veneto per l’impegnativa di cura domiciliare Alzheimer – terzo trimestre 2017 per un importo di euro 50.000; maggiori entrate da parte dello Stato per interventi di accoglienza di soggetti in disagio sociale per un importo di euro 330.000; contributo della Regione Veneto (delibera della Giunta regionale n. 510/2017) per l’acquisto di autobus per euro 1.395.000 nel 2017 e per euro 1.085.000 nel 2018; concessione di costruzione e gestione del parcheggio dell’ex Arsenale Militare – collaudo previsto nel 2018 per euro 12.744.000; lavori di rifacimento del campo da gioco dello stadio Marcantonio Bentegodi, danneggiato per 640.012 euro; realizzazione della copertura della pista di pattinaggio presente nell’impianto sportivo di via Baganzani, l’ampliamento degli spogliatoi annessi e la modifica dell’area di parcheggio pertinente l’area verde per 305.040 euro; lavori di adeguamento dell’impianto sportivo “Gavagnin – Nocini” di via Montorio al fine dell’omologazione dello stesso all’attività calcistica della Lega Pro della Federazione di appartenenza. Tale intervento per euro 356.970 è finanziato dal privato concessionario, con collaudo previsto nel 2018; inserimento dell’opera “Realizzazione di marciapiede in via Licata”.
Effettuate modifiche al programma triennale dei lavori pubblici 2017 – 2019, con l’aggiunta degli interventi: adeguamento strutturale-antisismico del deposito librario di Palazzo Nervi per euro 491.685 finanziato con contributo della Regione Veneto; adeguamento impiantistico e antincendio del deposito librario di Palazzo Nervi per euro 1.100.000; adeguamento antincendio dell’archivio interrato e messa in sicurezza di parte dei solai del palazzo Anagrafe e relative opere impiantistiche per euro 850.000; interventi a favore della sicurezza stradale per euro 317.000 ( finanziamento della Regione Veneto di euro 158.500); attivazione in Arena nuova cabina di MT/BT con collegamento ai quadri elettrici esistenti per euro 300.000.

Approvata all’unanimità, con 28 voti favorevoli, la mozione, primo firmatario i consigliere Pd Federico Benini che, nell’ambito del piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche, impegna la Giunta ad attivarsi al fine di avviare una mappatura delle barriere presenti sul territorio e contestualmente avviare ogni attività necessaria volta a giungere all’adozione di un piano per la loro eliminazione.
Approvata, con 24 voti favorevoli e 1 astenuto, la mozione a firma del capogruppo Verona in Comune Michele Bertucco che impegna l’Amministrazione a sollecitare il Governo in merito all’adozione degli atti necessari all’avvio dell’istituzione di una sezione operativa della Direzione Investigativa Antimafia (D.I.A.) e al distacco di un magistrato della Direzione Distrettuale Antimafia (D.D.A.) di Venezia.

Con 20 voti favorevoli, 4 contrari ed 1 astenuto, è stata approvata la mozione, primo firmatario capogruppo Lega nord Vito Comencini su “misure urgenti a tutela della pubblica sicurezza e dell’ordine pubblico nelle sedi ed uffici comunali e aggiornamento della normativa statale” che impegna l’Amministrazione a rafforzare le misure di controllo e sottoporre all’identificazione e alla rimozione del velo tutte le persone che accedono alle sedi comunali o ad edifici dell’Ente.
Approvata all’unanimità, con 24 voti favorevoli, la mozione, primo firmatario consigliere Movimento 5 stelle Alessandro Gennari, che impegna l’Amministrazione ad “indirizzare i 175 mila euro, che saranno incassati dal Comune attraverso le segnalazioni sull’evasione fiscale, all’assunzione di nuove forze di Polizia Municipale”.
Con 19 voti favorevole, 3 contrari e 1 astenuto, è stata approvata, la mozione, prima firmataria la consigliera Battiti per Verona Maria Fiore Adami che, alla luce dei recenti fatti di cronaca avvenuti a Rimini, impegna l’Amministrazione ad attivarsi affinché attenzionino ed implementino campagne pubbliche sul rispetto della persona e la sicurezza nella città; il contrasto alla violenza e al mancato rispetto delle persone; la promozione di politiche integrate per sensibilizzare tutta la cittadinanza rispetto al crescente fenomeno della violenza fisica e psicologica.
Approvata all’unanimità, con 21 voti favorevoli, la mozione, primo firmatario il capogruppo Verona Civica Tommaso Ferrari, che sullo spreco alimentare, impegna l’Amministrazione ad attivarsi affinché si ponga in buona evidenza, nell’avviso di pagamento recapitato per la riscossione della tassa comunale, la possibilità di poter aderire al progetto Re.b.u.s.e (Recupero Eccedenze Beni Utilizzati Solidamente), con la relativa scontistica.

commenti (0)

*

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>