BannerAmazonVeronain615x60

Finalmente una buona prova della squadra di Pecchia che seppe soffrendo cogliere un buon punto.

Il miglior Verona visto finora tira una boccata d’ossigeno. La squadra ritrova ardore, disputa una gara gagliarda e si guadagna alla fine un punto, che fa soprattutto morale. L’Hellas è stato protagonista di un ottimo primo tempo che ha scaldato gli animi dei quindicimila del Bentegodi. Nella ripresa, la squadra ha saputo stringere i denti e reggere l’urto della Sampdoria. I salvatori della patria sono alla fine stati Nicolas, Heurteaux, e Caracciolo autori di salvataggi miracolosi. Certo, c’è ancora molto da lavorare, ma almeno stasera tutto l’ambiente gialloblù ha ripreso fiato. Domenica appuntamento casalingo con la Lazio.

Verona incerottato e in emergenza. Pecchia, alle prese con l’infermeria e la squalifica di Souprayen, ridisegna la difesa con il giovane Bearzotti a destra, Caracciolo ed Heurteaux centrali, Romulo a sinistra; linea di centrocampo a tre composta da Zuculini centromediano, Fossati e Bessa mezzali; sulle fasce Valoti e Verde fanno da spola tra la mediana e l’unica punta Pazzini. La Sampdoria si mette a 4-3-1-2 con Ricky Alvarez alle spalle di delle due punte Quagliarella e Caprari.

La Samp fa più possesso, ma il Verona è reattivo e sempre pronto a replicare. Lo spirito è quello gusto. La squadra mostra aggressività e si libera di timidezze e paure. La Sampdoria si fa vedere al 14’ con  un destro a giro di Caprari che Nicolas smanaccia in angolo. Poi sale di tono la squadra di Pecchia. Bearzotti non tradisce alcuna emozione e appare molto sicuro e intraprendente. Assistito dalla dinamicità di Fossati, Zuculini lotta come un leone in mezzo al campo, Bessa illumina, Pazzini è tonico e carico, Verde unisce gamba a qualità. Il pubblico apprezza e incita a gran voce. La prima vera palla gol della partita è dei gialloblù: al 23’ Bessa in area imbecca Valoti che batte a rete a colpo sicuro ma Puggioni ci mette i guantoni. Il Verona è in fiducia, gioca bene e piace: allo scadere Bessa mette un filtrante, Pazzini fa velo per l’accorrente Verde che tira ma Puggioni respinge in angolo. Manganiello fischia la fine del primo tempo: il miglior Verona della stagione va negli spogliatoi tra gli applausi convinti del pubblico. Era ora.

La ripresa vede la Sampdoria spingere con maggior convinzione. Giampaolo al 52’ opera due cambi: toglie Quagliarella e il fantasma di Alvarez, e manda in campo Ramirez e il possente Zapata. Al 56’ il gigante colombiano ha una colossale palla gol: cross dalla sinistra di Caprari, Zapata svetta indisturbato e spizza di testa la palla sul fondo con Nicolas ormai battuto. Il Verona si fa vedere di rimessa: al 67’ Romulo pesca con un piattone Pazzini, che carica ma colpisce male e debolmente. La Sampdoria preme stabilmente nella metà campo gialloblù: al 71’ Caprari crossa, Ramirez incorna e Heurteaux salva di spalla sulla linea. Il Verona risponde subito: Pazzini apre in contropiede per Verde che entra in area ma spara malamente alto. Passa un altro minuto e la Samp sfiora nuovamente il vantaggio con Caprari ma Nicolas gli nega il gol. A un quarto d’ora dal termine Pecchia toglie lo spento Pazzini per Kean e si becca un’ingiustificata dose di fischi assordante.  Il Verona si rende pericoloso al 78’ con una doppia chance confezionata da Bessa  e Romulo. Fossati esce per crampi, dentro Buchel. Il finale è tutto di marca doriana con l’Hellas in affanno. Nel finale i blucerchiati sfiorano il successo, ma prima Nicolas, sventa in volo un maligna parabola di Ramirez, e allo scadere, quando il portiere non ci può arrivare, é Caracciolo a salvare la baracca deviando in disperata rovesciata sul palo un colpo di testa di Zapata. E’ l’ultimo brivido. Per l’Hellas è un punto d’oro.

Lorenzo Fabiano

TABELLINO:

HELLAS VERONA-SAMPDORIA 0-0 

HELLAS VERONA: Nicolas; Bearzotti, Caracciolo, Heurtaux, Romulo; Fossati (dal 42′ st Buchel), Zuculini B., Bessa; Verde, Pazzini (dal 31′ st Kean), Valoti (dal 35′ st Zaccagni).

A disposizione: Silvestri, Coppola, Laner, Cerci, Lee, Tupta, Kumbulla, Stefanec.

All.: Pecchia.

SAMPDORIA: Puggioni; Bereszynski, Silvestre, Ferrari, Murru; Linetty (dal 46′ st Verre), Torreira, Praet; Alvarez (dal 7′ st Ramirez); Quagliarella (dal 7′ st Zapata), Caprari.

A disposizione: Hutvagner, Tozzo, Andersen, Sala, Barreto, Strinic, Capezzi, Kownacki.

All.: Giampaolo.

Arbitro: Manganiello di Pinerolo

NOTE. Ammoniti: Caprari, Zuculini B., Valoti, Kean.

commenti (0)

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>