BannerAmazonVeronain615x60
misure antiterrorismo a Verona
Misure antiterrorismo a Verona – foto di Francesco Passarella

Siamo noi le vittime degli ultimi attentati in Spagna. Noi turisti. Noi che facciamo la coda per vedere Monet, Cezanne, Matisse; noi che mangiamo tapas a Madrid, baguette a Parigi, pizza a Roma; noi che cerchiamo emozioni al Louvre, al Prado, agli Uffizi, al British; noi che facciamo chilometri a piedi per arrivare alla Porta di Brandeburgo, in Grand Place o sulle strisce pedonali di Abbey Road.

Per viaggiare cerchiamo le offerte migliori in treno o aereo. Siamo disarmati, abbiamo solo uno zainetto, il telefonino e la bottiglietta d’acqua. Amiamo la bellezza, la cultura, la convivenza. E forse proprio per questo siamo il bersaglio preferito di chi ha accettato la logica dell’odio. E’ semplicissimo abbatterci come birilli. Ma chi ci vuole falciare sa già di aver perso, perché ha perso se stesso: non sa che guerra combatte, non sa cosa vuole ottenere, non ha un progetto per cui valga la pena vivere. La violenza folle che ci butta addosso è la stessa che prima ha fatto morire la sua umanità.

La nonviolenza dei turisti è la forza silenziosa che salverà l’Europa, se solo governanti ed istituzioni cogliessero il messaggio di pace che ogni giorno milioni di noi mettono in atto superando frontiere e muri per stare in una piazza, entrare in un museo, vedere una cattedrale, ascoltare un concerto. L’Europa dei turisti, conviviale e bella, è l’Europa che deve rinascere.
Guerra e terrorismo si rincorrono in tutto il mondo. Le vittime sono tante, ed ognuna ha il volto di Abele. Ma è umano che con le vittime più vicine e conosciute sentiamo una maggior empatia, ed è spontaneo immedesimarsi in loro.
Carmen, Bruno e Luca, gli italiani morti a Barcellona, sono gli eroi partigiani della nonviolenza turistica.

Mao Valpiana

commenti (0)

*

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>