BannerAmazonVeronain615x60

Campo concentramento

Con l’esposizione in piazza Bra del carro ferroviario utilizzato per le deportazioni nei campi di sterminio, prendono avvio lunedì 23 gennaio le iniziative dedicate alla Giornata della Memoria, promosse dalla Prefettura e dal Comune di Verona. Di seguito il programma delle celebrazioni dal 21 gennaio al 1 marzo.

Sabato 21 gennaio, alle ore 16.20, alla sala Berto Perotti dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea, presentazione del libro Carlo Merler ‘Aroldo’. Magistrato trentino partigiano combattente. Sarà presente l’autore Sandro Schmid.
Da domenica 22 a domenica 29 gennaio, al Loggiato della Gran Guardia mostra “Viaggio nella Memoria – Binario 21”.
Da lunedì 23 gennaio a giovedì 23 febbraio, in collaborazione con la Biblioteca Comunale – Centro Culturale “Caterina Bon Brenzoni” di Sant’Ambrogio di Valpolicella, mostra “Oltre quel muro – la Resistenza nel campo di Bolzano”, realizzata da ANED. Sono presentati decine di documenti inediti, lettere e documenti reperiti in diversi archivi italiani e tra le carte personali dei familiari di deportati nel Lager. I deportati nel Lager di Bolzano furono circa 9.500.
Martedì 24 gennaio si terrà, alle 17 nell’aula T6 del Polo Santa Marta, l’incontro “Charlotte Delbo – Una memoria, mille voci”, dedicato al ricordo di Charlotte Delbo, figlia dell’emigrazione italiana in Francia, partigiana e per questo deportata ad Auschwitz e Ravensbrück. Interverranno Gian Paolo Romagnani, Rosanna Gorris, Lorenzo Migliorati dell’Università di Verona e Elisabetta Ruffini direttrice dell’Istituto della Resistenza di Bergamo. Nella stessa giornata, alle 18.30 al piano interrato del  Polo Santa Marta sarà inaugurata, alla presenza dell’artista, la mostra “Come se il ghiaccio”, che raccoglie le opere che Italo Chiodi ha realizzato ispirandosi al libro testimonianza “Nessuno di noi ritornerà” della Delbo. Un brano tratto dal libro sarà letto dall’attrice Rosanna Sfragara nel corso dell’evento. Altre letture, a cura di Crea Comitato Reti Artistiche si terranno, alle 18.30, nei giorni 1, 8, 15 e 22 febbraio. La mostra sarà visitabile fino al 25 febbraio da lunedì a venerdì dalle 8 alle 19.30 e il sabato dalle 8 alle 13.
Mercoledì 25 gennaio, alle ore 17.30 alla biblioteca Frinzi dell’Università, inaugurazione della mostra “Buchenwald 1943-1945″. La mostra resterà visibile al pubblico fino al 17 febbraio, dalle 8.15 alle 23.45.
Mercoledì 25 gennaio, alle ore 21 al Polo Santa Marta in via Cantarane 24, l’evento “La Primavera” parole di Charlotte Delbo, ebrea e politica francese deportata ad Auschwitz e a Ravensbruck. Ingresso libero sino ad esaurimento posti.
Mercoledì 25 gennaio alle 17.30, nella biblioteca Frinzi, si terrà l’inaugurazione di un’altra mostra “Buchenwald 1943-1945 – L’inferno concentrazionario nazista”. Visitabile fino al 17 febbraio, l’esposizione mette insieme i disegni presi dal vivo da Auguste Favier e Pierre Mania. Le riproduzioni sono state curate da Cierre Edizioni.
Nella suggestiva corte al piano interrato di Santa Marta, alle 21, sarà possibile assistere, in anteprima nazionale, alla creazione scenica di e con Rosanna Sfragara “La Primavera”, ispirata all’ultimo capitolo di “Nessuno di noi ritornerà” della Delbo. Ingresso libero sino ad esaurimento posti. Produzione Armilla e Bottega d’arte Tam Teatromusica.
Giovedì 26 gennaio, alle ore 18 all’Auditorium della Gran Guardia, concerto “Oltre il muro” melologo scritto, per voce recitante, orchestra e ensamble strumentale sul tema della deportazione, dal maestro Vlady Bianchini.
Giovedì 26 gennaio, alle 17.30 nella biblioteca Walter Bush del Palazzo di Lingue, la scrittrice  Ilva Fabiani presenterà il suo libro “Le lunghe notti di Anna Alrutz”, nel quale racconta la drammatica storia di un’infermiera nazista che si ribella alle sterilizzazioni forzate. Dialogheranno con l’autrice Massimo Salgaro, docente di Letteratura tedesca e Pasqualina Sorrentino, dell’università di Gottinga.
Mercoledì 27 gennaio cerimonia ufficiale in piazza Bra e palazzo della Gran Guardia per ricordare il 72° anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, avvenuta il 27 gennaio del 1945. La giornata si aprirà alle ore 9 con la deposizione di una corona di alloro al monumento ai Deportati. Successivamente, nell’Auditorium della Gran Guardia, avrà inizio la cerimonia ufficiale: interverranno il Prefetto Salvatore Mulas, che consegnerà le onorificenze del Governo e il Sindaco Flavio Tosi, che consegnerà le medaglie della città; seguirà l’intervento dell’Oratore Ufficiale della manifestazione, Gilberto Salmoni. Quindi la proiezione del film-documentario Ritorno a casa – Pescantina 1945, dalla deportazione all’accoglienza a cura dell’Associazione Memoria Immagine. Nel pomeriggio, alle ore 14.30 si terrà la cerimonia nel Cimitero Ebraico di via Badile, con la deposizione di una corona di alloro; alle ore 15.45 si terrà la cerimonia al Sacrario del Cimitero Monumentale.
Sabato 28 gennaio, alle ore 16.20 alla sala Berto Perotti dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea, presentazione del volume Una speranza ostinata. Terezin, Auschwitz, Varsavia, Dachau di Max Mannheimer. Sarà presente il traduttore e curatore Claudio Cumani. Alle ore 17.30 nella sede della società Letteraria in piazzetta Scalette Rubiani, 1 – piazza Bra, presentazione del volume Buchenwald 1943-1945 – disegni di Auguste Favier e Pierre Mania.
Domenica 29 gennaio, a partire dalle ore 10 in piazza Isolo al monumento “Filo Spinato”, la cerimonia “Il Monumento vive”.
Mercoledì 1 febbraio, alle ore 17.30, alla società Letteraria in piazzetta Scalette Rubiani, 1 – piazza Bra, presentazione dell’e book La Quarantena, di Giovanni Melodia, deportato a Dachau.
Sabato 4 febbraio, alle ore 16.20 alla sala Berto Perotti dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea, presentazione del libro Cefalonia. La resistenza, l’eccidio, il mito. Sarà presente l’autrice Elena Aga Rossi.
Mercoledì 15 febbraio, alle ore 17.30 alla società Letteraria in piazzetta Scalette Rubiani, 1 – piazza Bra, presentazione del libro di Lorenzo Guadagnucci Era un giorno qualsiasi – Sant’Anna di Stazzema, la strage del ‘44 e la ricerca della verità. Una storia lunga tre generazioni.

Sabato 18 febbraio, alle ore 16.20 alla sala Berto Perotti dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea, presentazione del volume I signori del terrore. Polizia nazista e persecuzione antiebraica in Italia (1943-1945) a cura di Sara Berger.
Mercoledì 1 marzo, alle ore 17.30 alla società Letteraria in piazzetta Scalette Rubiani, 1 – piazza Bra, presentazione della tesi di laurea in Storia di Federico Giordani, Il CNL di Isola della Scala. Presenta Daniela Brunelli, presidente Società Letteraria.

 

commenti (0)

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

ABBONATI A VERONA IN