Il pubblico in sala all'Istituto Agli Angeli per la presentazione di VeronaPolis
BannerAmazonVeronain615x60

Quadrato-rosso

Sabato 13 febbraio l’osservatorio territoriale VeronaPolis ha presentato La Verona che vorrei, un progetto che spalanca le porte di una città stanca e malgovernata ai migliori modelli europei.

«Tutto è inutile, se l’ultimo approdo non può essere che la città infernale, ed è là in fondo che, in una spirale sempre più stretta, ci risucchia la corrente». Sono  le parole con cui  Kublai Khan si rivolge a Marco Polo nel romanzo Le città invisibili di Italo Calvino. Una sorte a cui non si arrende VeronaPolis, che sabato 13 febbraio ha presentato La Verona che vorrei, un progetto per il territorio concreto e con una forte carica simbolica. Concreto perché, attraverso filmati e diapositive, abbiamo visto come sviluppo urbanistico, verde pubblico, mobilità, rete scolastica e museale, grandi contenitori potrebbero far parte di un sistema che coniuga modernità e qualità della vita, avvicinando Verona ai grandi modelli europei. Simbolico perché alcune “utopie”, come la passerella sugli argini dell’Adige o la deviazione di parte del fiume all’Isolo per recuperarne la storia potrebbero, sull’onda dell’entusiasmo, costituire un motore eccezionale per la realizzazione dell’intero progetto.

Dunque il sogno contro la devastazione, come dice Marco Polo rispondendo alle parole dell’imperatore: «L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio».

Usciamo dai libri e torniamo all’istituto Agli Angeli, location della presentazione dove c’era un pubblico di 200 persone, politicamente eterogeneo, non nuovo a manifestare interesse verso questo tipo di iniziative. Se qualche politico in sala si è visto – con le Amministrative alle porte Giorgio Massignan farebbe bene a registrare il marchio VeronaPolis – vistosa è stata invece l’assenza di alcune figure storiche dell’ambientalismo veronese, la cui presenza, visto l’argomento, avrebbe certamente avuto un senso. I vari comitati (Traforo, Verona Sud) erano invece degnamente rappresentati, attratti da un filone di pensiero che parla la lingua di quei cittadini sofferenti per i disagi generati da troppo cemento e dall’inquinamento.

VeronaPolis-Angeli (Foto-Motti)
Giorgio Massignan (al centro) e Alberto Ballestriero (a destra) di VeronaPolis. A sinistra il moderatore dell’incontro Francesco Premi (Foto Daniela Motti, Francesco Laserpe)

Dopo sabato 13 febbraio la domanda che molti si pongono è se VeronaPolis uscirà dalla dimensione di “osservatorio” per diventare soggetto politico. Ma lo è già, nel significato etimologico della parola, perché chi ha ideato questo modello di città non ha nascosto di volerlo anche realizzare. Il problema sarà come realizzarlo, e non solo nel senso di reperire le competenze e le risorse economiche necessarie per dare il via alla trasformazione.

Le priorità che VeronaPolis dovrebbe mettere in agenda sono altre, a cominciare dal chiedersi il perché di certe assenze durante la presentazione, se siano dovute al caso o non dipendano da quelle logiche di campanilismo che trasformano i più naturali alleati nei più grandi affossatori di idee e progetti (ma non sarebbe ora di finirla?).

C’è poi da fare i conti con chi comanda. Industriali, banchieri, politici e giornali hanno reso possibile nel dopoguerra il passaggio di Verona nell’era industriale creando occupazione e benessere a partire dalla vocazione del territorio. Come allora, gli eredi di quei pionieri oggi passano dai vertici delle loro aziende ai consigli di amministrazione di istituti di credito e case editrici, ma con effetti ben diversi dal passato: voragini nelle banche e giornali sempre meno all’altezza della storia che li accompagna.

Così, nell’esaurimento del sogno e della sua forza propulsiva, oggi prevale la logica corporativa, che premia l’appartenenza alla casta e non le capacità, prima di tutte quella importantissima di produrre visioni e di tracciare la strada (si chiamava classe dirigente) con il risultato che non sapendo dove stiamo andando abbiamo perso anche la possibilità di porre le basi per ogni futuro possibile.

Al campanilismo e all’assenza di una classe dirigente illuminata si aggiunge poi la difficoltà di suscitare nell’opinione pubblica le domande necessarie a far maturare una diversa sensibilità. Qui entriamo nel campo disastrato del sistema mediatico cittadino e sulla necessità di investire su forme nuove e alternative di informazione, per dare spazio a chi «in mezzo all’inferno, non è l’inferno», e per  influire democraticamente sulle scelte di chi comanda.

Giorgio Montolli

Leggi anche:
Sulla Verona che vorrei VeronaPolis chiede un confronto (Giorgio Massignan)
La Verona che vorrei, alcune idee per i primi 100 giorni (Luciano Butti)
Massignan come Lorenzetti disegna la città ideale (Enrico Bertelli)
VeronaPolis, non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire (Mario Allegri)
VeronaPolis, un’idea di città che sa tanto di Primavera (Francesco Premi)
Le relazioni al centro, una scommessa da vincere (Paola Lorenzetti)
Bene Veronapolis, ma la città che vorrei io… (Gianni Falcone)
La Verona che vorrei, traslazione da sogno a realtà secondo Paolo Ricci  (Paolo Ricci)
Fundraising, diamo concretezza ai progetti su Verona (Daniela Motti)
La dimensione sociale della Verona che vorrei (Daniela Motti)
Veronapolis propone un nuovo modello di città (Giorgio Montolli)


Il progetto di VeronaPolis

Giorgio Montolli

L'autore: Giorgio Montolli

Giorgio Montolli è un editore e giornalista nato a Verona il 22 giugno 1960. Dopo 12 anni come redattore al settimanale Verona Fedele, nel 1997 apre lo Studio Editoriale Giorgio Montolli che svolge lavori di grafica e impaginazione per conto terzi. Editore dei giornali Verona In (2003) e Opera Arenamagazine (2017), dal 2009 organizza nelle scuole il Corso “Come si fa un giornale” e pubblica L’Ansa dell’Adige che raccoglie gli articoli degli studenti. Dal 2013 è titolare del marchio Smart Edizioni. giorgio.montolli@inwind.it

Commenti (3)

  • La cosa più sensata tra le tante che ha detto Giorgio Massignan ‘creiamo un gruppo di persone preparate nella PA locale che vadano e sappiano cercare fondi’ è risaputo che in Italia non sappiamo fare progettazione europea e i fondi non vengono utilizzati, è vergognoso che non siamo in grado di farlo, ci sono pubbliche amministrazioni illuminate che lo hanno fatto e i risultati si vedono.
    Bisogna avere il coraggio di coinvolgere e pagare i professionisti in grado di attrarre fondi, investimenti ed essere lungimiranti, hai ragione, mancavano pezzi importanti che non hanno voluto esserci, vergogna (ancora) per loro, non sanno cosa si sono persi, o lo sanno invece?

  • Davvero mancavano i rappresentanti delle associazioni ambientaliste? Eravamo circa 200 e – a parte il fatto che le associazioni sono fatte di tante persone – ho avuto il piacere di vedere figure storiche per esempio del WWF e della Fiab – Vr.
    Un osservazione: io credo che l’idea di considerare scuole, ospedali, uffici pubblici come attrattori di traffico che come tali vanno spostati dal centro storico andrebbe approfondita e discussa. Io li considero piuttosto luoghi di vita personale e collettiva, che dovrebbero essere facilmente accessibili a tutti senza la necessità di usare mezzi motorizzati privati. Più che decentrare scuole e ospedali (rendendo inevitabile spesso l’uso dell’auto) credo andrebbe potenziata la rete ciclabile e dei trasporti pubblici. lavorando anche, contemporaneamente sul cambio di mentalità e di abitudini dei cittadini.

  • Giorgio Massignan
    Giorgio Massignan Rispondi

    Cara Donatella, forse non mi sono espresso bene, ma nelle mie proposte non c’è assolutamente l’idea di togliere i cosiddetti attrattori di traffico dal centro storico; anzi, è vero il contrario. Nelle proposte per la Verona che vorrei, si è previsto di inserire nelle caserme ristrutturate musei, teatri, uffici per professionisti della giurisprudenza, la Corte d’Appello, residenze per studenti, abitazioni convenzionate, negozi di vicinato ed altro ancora. Tutto questo sarebbe reso possibile perché un’organica infrastruttura di trasporto pubblico elettrica e su rotaia, un sistema di parcheggi scambiatori e la rete di percorsi ciclabili proposta dagli Amici della Bicicletta, renderebbero possibile la pedonalizzazione dei quartieri Città Antica e Veronetta e la Z.T.L. in tutti gli altri all’interno delle mura magistrali, oltre a Borgo Trento. Ho criticato la ristrutturazione dell’ospedale di Borgo Trento perché un impianto sanitario di tale importanza e portata, crea un notevole impatto in una zone ad alta densità abitativa e per questo sarebbe stato più idoneo localizzarlo in un area meno frequentata; vedi ex Seminario di San Massimo. Per quanto riguarda l’assenza di rappresentanti delle maggiori associazioni ambientaliste, ho notato la totale mancanza di esponenti locali di Italia Nostra. Mi è dispiaciuto, perché ho avuto la conferma che la sezione locale dell’associazione ha definitivamente preso una linea ben precisa: quella di occuparsi solo di gite ed uscite culturali. Linea che ritengo in totale contraddizione con i motivi che hanno spinto, negli anni ’60, la creazione di Italia Nostra.

commenti (3)

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>