BannerAmazonVeronain615x60
Stefano Casali
Stefano Casali

Vicesindaco Stefano Casali: «Un colpevole silenzio, durato a lungo, che ha reso invisibili gli oltre 300 mila Istriani, Fiumani e Dalmati».

Oggi, martedì 10 febbraio, si celebra il Giorno del Ricordo e ieri mattina in Gran Guardia si è tenuta la cerimonia di commemorazione. Erano presenti il vicesindaco Stefano Casali, la presidente dell’associazione Venezia Giulia e Dalmazia Francesca Briani e il vicepresidente della consulta provinciale degli studenti Gabriele Gottardi. Presenti numerosi rappresentanti delle istituzioni civili e militari e delle associazioni combattentistiche d’arma, oltre a numerose classi delle scuole cittadine.

«Con le celebrazioni del Giorno del Ricordo viene finalmente divulgata e fatta conoscere ai giovani una pagina di storia, che il nostro Paese ha ignorato per più di mezzo secolo, tacendone volutamente anche i suoi risvolti più drammatici – ha detto Casali nel suo intervento –. Questo colpevole silenzio, durato tanto a lungo, ha reso, di fatto, invisibili gli oltre 300 mila Istriani, Fiumani e Dalmati, che lasciarono la loro terra, la loro casa, i loro beni, i loro defunti, con l’unica certezza di dover ricominciare daccapo la propria vita, indipendentemente dall’età e dalla condizione sociale. Rinnovare il ricordo di quei drammatici eventi – ha concluso Casali – ci rafforza nella convinzione che non ci può essere un futuro comune tra i popoli se non all’insegna del riconoscimento reciproco, dell’amicizia, del superamento di qualsiasi barriera politica, culturale ed etnica e nella piena affermazione della libertà e della democrazia».

Al termine degli interventi si è tenuto il reading teatrale No dimentichemo di Simone Cristicchi sulla memoria delle foibe e dell’esodo istriano, fiumano e dalmata, con l’introduzione di Davide Rossi, docente dell’Università agli Studi di Trieste.

Le celebrazioni avevano preso il via domenica 8 febbraio nella sala Buvette della Gran Guardia con l’apertura della mostra fotografica Dedicata al Ricordo a cura del Comitato Provinciale di Verona ANVGD-Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia con consulenza storica e testi dello storico e scrittore Guido Rumici e progetto grafico di Altercatio.com. La mostra resterà aperta al pubblico fino alle 19 di oggi martedì 10 febbraio, con ingresso libero.

Il programma delle iniziative proseguirà martedì 10 febbraio alle 10.30, al Cimitero Monumentale, dove si terranno una Messa e la cerimonia commemorativa con deposizione di una corona al Monumento dedicato alle Vittime delle foibe, agli Esuli deceduti lontano dalla loro terra d’origine ed a tutti i Defunti rimasti.

Tra le attività promosse per celebrare il Giorno del Ricordo, venerdì 20 febbraio alle 15.30 al Circolo Ufficiali di Verona si terrà la presentazione del volume Il Trattato di pace 10 febbraio 1947 nei programma e nei testi scolastici di Maria Ballarin; venerdì 27 marzo alle 15.30 nella sala convegni della Banca Popolare, in via San Cosimo 10, si svolgerà la cerimonia di premiazione della 14ª edizione del Premio letterario Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia di Verona Gen. Loris Tanzella, dedicato ad opere letterarie sulla storia delle terre di Istria, Fiume e Dalmazia.

 

commenti (0)

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

ABBONATI A VERONA IN