BannerAmazonVeronain615x60

???????????????????????????????

VEGETARIANI. Kamut, porcini, cipollotto e curry gli ingredienti per entrare nel mondo delle fiabe con la ricetta di oggi: kamut con funghi.

Ora capita che, carpet diem, si incontrino flessuose equilibriste dai capelli più blu del cielo. Incantevoli e delicate creature del mondo delle fiabe, che come tali, hanno idee molto romantiche anche in fatto di alimentazione. Oggetto del narrare il kamut, del quale vegani e vegetariani fanno un uso, quasi mistico, da molti anni. Liberi di credere alle favole, perché farlo è bellissimo, ma attenzione a non diventare oggetto/soggetto di speculazione commerciale. Kamut è prima di tutto un marchio registrato… e questo dovrebbe di per sé, far nascere una serie di riflessioni. Ma non voglio tediarvi oltre, per cui a chi fosse interessato propongo degli approfondimenti ai seguenti link: Il kamut tra leggenda e verita, Che ne sai tu di un campo di kamut? Leggende e verità sul kamut, Il kamut, e le immancabili note dell’enciclopedia più famosa del web.

Tutti gli altri possono passare direttamente alla ricetta di oggi, quella del kamut con funghi, non prima però della nostra quinta regola: non sempre, ma qualche volta, provate a cucinare con il/la vostr* compagn*, vostr* figl*… è una splendida occasione per creare nuove alchimie.

Cornicetta egizia

Cosa occorre per 4 persone: 250 gr di kamut, 250 gr di funghi porcini secchi o visto che la stagione è quella giusta, l’equivalente in prodotto fresco (10 gr di funghi secchi corrispondono a 100 gr di funghi freschi), curry, 1 cipollotto, 1 spicchio d’aglio, 3 dl di brodo vegetale.

Come si fa: se usate i funghi secchi la prima cosa è farli rinvenire in acqua tiepida per almeno 3 ore prima di utilizzarli. Poi lessare il kamut, mettete in conto un paio di ore. Intanto in una padella fate stufare i funghi con il cipollotto tagliato a tocchetti e lo spicchio d’aglio tritato finemente, aggiungendo man, mano il curry sciolto nel brodo. A questo punto vi propongo due varianti, una più scenografica ed una… più pasticciata.
Versione scenografica: disporre il kamut nei piatti creando un buco al centro da riempire con i funghi e la salsina creata. Versione pasticciata: unire funghi e kamut e far stufare insieme per 10 minuti.
Qualunque sia a versione che sceglierete buon appetito!

Cosa bere: uno Chardonnay di media struttura è quello che ci vuole per un piatto con i porcini cotti.

Che musica ascoltare: restiamo nel mondo delle fiabe con Patrizia Laquidara e Nota d’anguana, dall’album Il canto dellʼanguana, che nel 2011 ha vinto il Premio Tenco come miglior album dialettale. Enjoy!

Cinzia Inguanta

e la va, la passa rente, e mi vo’, mi vo’ de onda
fala danzare, ma lasela andar

Cinzia Inguanta

L'autore: Cinzia Inguanta

CInzia Inguanta è nata a Firenze nel 1961. Diplomata in Design all’Accademia di Belle Arti Cignaroli. Giornalista e blogger ha diretto Radio Popolare Verona. Attuale direttrice di Verona In, collabora con il mensile Noticum e il trimestrale Totemblueart affrontando i temi dei diritti civili e della promozione sociale della donna. Nel 2011 ha ricevuto la segnalazione della giuria del Premio Letterario Ibiskos per una raccolta di poesie, sempre con una silloge poetica è tra i classificati del premio letterario Opera Uno; a giugno dello stesso anno pubblica Bianca (Bonaccorso editore). Alcune sue poesie sono pubblicate nella sezione Opere Inedite sul blog dedicato alla poesia di Rainews. cinzia.inguanta@email.it

commenti (0)

*

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>