BannerAmazonVeronain615x60
Foto Alberto Fraccaroli
Foto Alberto Fraccaroli

Davanti a oltre 20.000 spettatori parte la sfida tra Verona e Udinese, per quella che è la 37^ e penultima giornata della stagione 2013/14. Mandorlini conferma in difesa Pillud a destra e Marques centrale. Scontata la presenza di Agostini a sinistra, vista la squalifica di Albertazzi. A centrocampo, novità Cirigliano dal 1’ a dettare le danze, affiancato da Sala (Romulo non è al top) e Hallfredsson. In avanti il vice-Iturbe è Gomez. Guidolin dispone i suoi con il 4-3-2-1, il cui perno offensivo è Antonio Di Natale.

In avvio, forse per il gran caldo, i ritmi non sono sostenuti. Al 13’ ecco la prima fiammata della partita con conseguente vantaggio del Verona. Splendido lancio di Cirigliano sulla sinistra per Agostini, serie di serpentine del terzino dell’Hellas che viene buttato giù da Allan in area. Per l’arbitro Tommasi è penalty, batte Toni che spiazza Scuffet. È il gol nr 20 del bomber gialloblù. La reazione dell’Udinese è evanescente. Solo al 24’ Pinzi impegna Rafael da lontano. Per il resto, i gialloblù controllano senza patemi e provano a farsi avanti con delle ripartenze. Al 37’ doppia occasione per gli scaligeri: Hallfredsson crossa al centro per Toni lasciato solo, tiro a botta sicura dell’attaccante, ma sulla linea respinge Danilo, palla a Pillud che da fuori manda di poco a lato. Al 43’ un’altra conclusione da lontano per i friulani ad opera di Lazzari, Rafael però è ben piazzato.

La ripresa è subito vivace. Al 50’ Udinese pericolosa. Angolo dalla sinistra, palla in mezzo per Heurtaux che spedisce fuori da due passi. Al 54’ raddoppio Hellas. Marquinho scarica per Gomez sulla destra, assist dall’altra parte per Hallfredsson solissimo, botta al volo dell’islandese che non perdona Scuffet. La partita si accende. Al 56’ pronta risposta degli ospiti che accorciano le distanze con Di Natale. Pereyra dalla sinistra serve la punta al centro dell’area, splendido controllo al volo in giravolta e bordata che trafigge Rafael. Al 60’ il Verona potrebbe triplicare. Su corner di Marquinho, testa di Cacciatore, ma a salvare sulla linea c’è Allan. Al 63’ l’Udinese manca il pari: imbucata in area per Heurtaux, diagonale velenoso e il portiere brasiliano dell’Hellas compie un miracolo. Gli ospiti insistono e si rendono pericolosi ripetutamente. Il Verona soffre e rischia più di una volta. Nei minuti di recupero arriva la beffa. 92’, ennesima incursione bianconera nell’area di casa, bolide di Badu sul palo lontano che spezza ogni sogno europeo dei gialloblù. L’ultimo match al Bentegodi della stagione finisce 2-2. Un vero peccato, ma all’Hellas di Mandorlini rimane comunque il merito di averci provato fino alla fine e di aver disputato una stagione fantastica. Gli applausi di tutto lo stadio sono meritatissimi.

Andrea Faedda

Tabellino
HELLAS VERONA-UDINESE 2-2
Marcatori: 14′ pt Toni (rig.), 9′ st Hallfredsson, 11′ st Di Natale, 47′ st Badu.

HELLAS VERONA (4-3-3): Rafael; Pillud (dal 1′ st Cacciatore), Moras, Marques, Agostini; Sala, Cirigliano, Hallfredsson (dal 36′ st Maietta); Gomez Taleb (dal 24′ st Donadel), Toni, Marquinho.
A disposizione: Nicolas, Borra, Cacia, Jankovic, Donsah, Rabusic, Gonzalez, Fares, Zaccagni.
All.: Mandorlini.

UDINESE (4-3-3): Scuffet; Heurtaux (dal 31′ st Widmer), Danilo, Domizzi, Gabriel Silva; Pinzi, Allan (dal 42′ st Badu), Lazzari; Pereyra, Di Natale, Nico Lopez (dal 30′ st Yebda).
A disposizione: Brkic, Kelava, Pereira, Bubnjic, Mlinar, Beleck, Alves.
All.: Guidolin.

Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa.
Assistenti: Tegoni e La Rocca.

NOTE. Ammoniti: Heurtaux, Gomez Taleb, Domizzi, Danilo, Allan, Donadel. Spettatori: 22.115 (abbonati: 16.129; paganti: 5.986).

commenti (0)

*

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>