BannerAmazonVeronain615x60

nene-cagliari

Continua il momento negativo: è la quarta sconfitta di fila per la squadra di Mandorlini. Il Verona fa qualcosina in più nel secondo tempo ma le idee sono poche, mancano gioco e determinazione e Toni rimane sempre troppo solo

Con 300 tifosi al seguito l’Hellas è di scena al “Sant’Elia” contro il Cagliari. Mandorlini conferma l’annunciato turn over e rivoluziona il Verona in ogni reparto. In difesa Gonzalez a destra, Marques e Maietta centrali, con Agostini rientrante a sinistra. A centrocampo, in mezzo c’è Cirigliano affiancato da Sala e Marquinho. In avanti il solito Toni insieme a Jankovic e Martinho. Lopez risponde con un 4-3-2-1 in cui Vecino, Ekdal ed Eriksson formano la linea mediana, con Cabrera e Ibraimi a sostegno di Nenè punta centrale.

Le due squadre provengono entrambe da momenti difficili ed il gioco stenta a decollare. L’iniziativa però è del Cagliari, il Verona si rintana dietro la linea della palla e aspetta. Quello dei gialloblù è più un 4-5-1 che un 4-3-3. Al 6’ Ekdal conclude dalla distanza ma Rafael devia in corner. Passano i minuti e prevale sempre la paura di prenderle. I rossoblù però sono più attivi e trovano il gol al 31’, Pisano dalla destra mette al centro per la testa di Nenè che insacca. Il vantaggio locale non scuote affatto gli scaligeri che al 42’ rischiano di capitolare per la seconda volta: Ibraimi serve in area Nenè che incredibilmente spara addosso a Rafael.

Nella ripresa ci si aspetta un altro Hellas ma la squadra non c’è. Fa qualcosina in più rispetto al primo tempo ma le idee sono poche, mancano gioco e determinazione e Toni rimane sempre troppo solo. Al 55’ i padroni di casa potrebbero raddoppiare: Ibraimi lancia il neo-entrato Ibarbo sulla destra, ingresso in area e diagonale che coglie il palo lontano. Al 64’ ancora il colombiano protagonista, semina tutti i difensori gialloblù ma quando tira manda in curva. Per il Verona gli ingressi di Iturbe, Romulo e Rabusic non cambiano la musica. Gli scaligeri tornano a casa con le pive nel sacco non tirando mai in porta. Questa è la 4^ sconfitta di fila con un’astinenza dal gol di quasi 500 minuti. Si rimane perplessi e con mille punti interrogativi. Che cosa è successo agli uomini di Mandorlini?

 Andrea Faedda

Tabellino:
CAGLIARI-HELLAS VERONA 1-0
Marcatore: 31′ pt Nenè.

CAGLIARI (4-3-2-1): Avramov; Pisano, Rossettini, Astori, Avelar; Vecino, Ekdal, Eriksson; Cabrera (dal 9′ st Ibarbo), Ibraimi (dal 25′ st Cossu); Nenè (dal 33′ st Pinilla).
A disposizione: Silvestri, Tabanelli, Oikonomou, Perico.
All.: Lopez.

HELLAS VERONA (4-3-3): Rafael; Gonzalez (dal 27′ st Romulo), Marques, Maietta, Agostini; Sala, Cirigliano, Marquinho; Jankovic (dal 36′ st Rabusic), Toni, Martinho (dal 12′ st Iturbe).
A disposizione: Nicolas, Albertazzi, Pillud, Cacia, Hallfredsson, Donsah, Moras, Cacciatore.
All.: Mandorlini.

Arbitro: Pinzani di Empoli.
Assistenti: Longo e Ghiandai.

NOTE. Ammoniti: Eriksson, Avelar, Pinilla, Sala, Ekdal, Romulo.

 

commenti (0)

*

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>